Serie A news: i punti del protocollo da discutere per tornare a giocare

Serie A
Luca Marchetti

Luca Marchetti

©Getty

Ora la partita si gioca sul protocollo e domenica sarà necessario chiarire alcuni punti che finora non avevano passato il vaglio del comitato tecnico scientifico del Governo

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Posto che il protocollo presentato la scorsa settimana è molto dispendioso (sia da un punto di vista economico che logistico, considerato che è necessario andare in ritiro ad oltranza con il cosiddetto “gruppo squadra”) e che quindi sarebbe sostenibile solo per le categorie più importanti i veri problemi da smarcare sono altri. Sono quelli che interessano l’ambito medico.

Primo su tutti la disponibilità dei test (tamponi e sierologici). Nella fase del lavoro a gruppi (ed eventualmente delle partite) sono necessari. Ma non essendo disponibili per tutti i cittadini (almeno per il momento) questo rappresenta anche un problema etico.

 

Poi il grande interrogativo riguarda l’eventuale contagio nel mondo del calcio. Le norme previste dal comitato governativo prevedono che il positivo e chi è stato a contatto con lui si fermino per il periodo di quarantena. Dovesse succedere nel calcio significherebbe non concludere la stagione. Considerati i (teorici) doppi controlli, sarebbe necessaria la quarantena lo stesso?

 

E poi c’è una problematica legale: in questo momento presidente della società e medico sociale sarebbero responsabili di un eventuale contagio, dovendo far rispettare il protocollo condiviso. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche