Pirlo: "Tonali non è il mio erede, lui è più completo di me"

il confronto

L’ex centrocampista di Inter, Milan e Juve ha parlato del giovane talento del Brescia: "Si dice che possa essere il mio erede, ma siamo molto diversi. Lui è più completo nell’impostazione e in fase difensiva, diventerà un grande giocatore"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Sarà per quel taglio di capelli e per la maglia del Brescia: è difficile non rivedere Andrea Pirlo quando si guarda Sandro Tonali. Eppure per l'ex regista di Milan e Juventus le somiglianze sono poche. "Si dice che possa essere il mio erede, ma non vedo tante cose in comune. È un altro tipo di giocatore, è molto più completo sia in fase difensiva che quando imposta, è un mix tra le mie caratteristiche e quelle di altri calciatori. È il più promettente tra i centrocampisti, diventerà sicuramente un grande" ha spiegato in una diretta su Instagram. A proposito di Brescia, in quel periodo Pirlo condivise lo spogliatoio con Roberto Baggio: "Ho avuto la fortuna di averlo come compagno di squadra già all’Inter, per me era un idolo. Lo conoscevo bene".

Emozioni mondiali

Pirlo ha quindi raccontato i momenti che hanno preceduto la vittoria del Mondiale nel 2006: "Prima del rigore di Grosso ognuno se ne stava per i fatti suoi. Avevo chiesto a Cannavaro se quello fosse l’ultimo. Sono stati momenti di stress incredibili, ma poi è andata alla grande. È un’emozione difficile da descrivere". Fuori dal campo, l’espressione spesso impassibile lo ha fatto etichettare come un tipo serio: "Beh, se uno non mi fa ridere, non rido. Ma a me piace molto stare con gli amici, fare gruppo. Poi in campo pensavo solo a fare bene il mio lavoro. Dopo le partite partiva la rumba. In ritiro giocavamo spesso con la PlayStation, io e Nesta eravamo i più forti".

La ripresa dei campionati

Prosegue intanto il confronto tra la Federazione, il Governo e il Comitato Tecnico-Scientifico. "La vedo dura, bisogna vedere come si procede con i tamponi. Viene prima la salute, poi se si riesce a finire il campionato allora tanto meglio. Non sarà una scelta facile, ci auguriamo che possa succedere. Il calcio fa lavorare molte persone, bisogna garantire la massima sicurezza: se si infetta una sola persona bisogna bloccare tutto di nuovo" ha concluso Pirlo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche