Juventus, Bentancur: "Che gioia tornare ad allenarsi. Ora ritroviamo mentalità vincente"

juventus

Il centrocampista della Juventus è stato intervistato da Sky Sport: "Ho trascorso la quarantena a Torino, con mio zio che è il mio preparatore ho fatto 70 allenamenti in 50 giorni. Ora lavoriamo per ritrovare la mentalità vincente: chi ritrova prima il ritmo avrà più possibilità di vincere"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI DEL 14 MAGGIO IN DIRETTA

Il calcio si prepara a ricominciare, i giocatori tornano ad assaporare il campo negli allenamenti individuali. Una sensazione molto piacevole, come ha raccontato Rodrigo Bentancur nell’intervista rilasciata a Sky Sport: "Sto bene per fortuna, mi sono allenato anche a casa e tornare in campo è stato bellissimo. Erano due mesi che non mettevo le scarpe da calcio ed è stata una bella sensazione. Credo che ci vorrà un po' di tempo per ritrovare il ritmo, due mesi a casa senza toccare palla è dura, ma da lunedì sarà emozionante allenarsi di nuovo tutti insieme. Serviranno 15-20 giorni per mettersi a posto". Il centrocampista della Juventus ha raccontato come ha trascorso il periodo di quarantena: "Ho deciso di rimanere a Torino, poi non si sapeva cosa sarebbe potuto succedere. Ho fatto la quarantena con la mia fidanzata e una coppia di amici, che mi aveva fatto visita pochi giorni prima del lockdown. C'è anche mio zio, che è il mio preparatore personale, in questi cinquanta giorni ho fatto circa settanta allenamenti con lui e mi ha ammazzato un po'. Poi ho guardato qualche serie, ho visto anche The Last Dance. Non mi piace molto pubblicare cose sui social, sono una persona tranquilla e riservata e così anche la mia fidanzata. Ho passato tanto tempo con lei e ci ha fatto molto bene. Non ho cucinato, non fa me per me, ma ho fatto molte pulizie e mi piace".

Verso la ripresa della Serie A

A metà giugno, quando sembra che possa riprendere il campionato, saranno passati oltre tre mesi dall’ultima partita ufficiale. "Il caldo sarà la difficoltà maggiore, poi la mancanza dei tifosi. Bisogna ritrovare subito il ritmo, la squadra che farà prima avrà più probabilità di vincere. Per questo vogliamo lavorare al 150% in questi giorni. Dobbiamo ritrovare la mentalità vincente in questi giorni per ripartire al meglio" ha detto Bentancur. Che ha ricordato l’ultima gara dei bianconeri, a porte chiuse contro l’Inter: "È stata dura, ma la squadra ha messo in campo una voglia speciale di vincere, chi era in panchina ha urlato così forte che sembrava esserci lo stadio pieno. È stato incredibile. Mi manca guardare le partite, ma sono contento che il calcio stia per ricominciare".

Il rapporto con Sarri

Bentancur è riuscito man mano a conquistare Maurizio Sarri e l’allenatore l’ha impiegato in diversi ruoli del centrocampo. "Da quando è arrivato Sarri mi ha mostrato la sua fiducia e voglio ricambiare quando entro in campo. Mi trovo più a mio agio da regista, ma mi piace giocare ovunque. Da piccolo guardavo sempre a Lampard, Gerrard e Busquets" ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche