Ibrahimovic, si allungano i tempi di recupero: in campo non prima di fine giugno

Serie A

Peppe Di Stefano

L'attaccante svedese è stato sottoposto nel primo pomeriggio di giovedì a esami strumentali al polpaccio dopo l'infortunio dello scorso 25 maggio. Il procedimento di recupero procede "senza complicanze". Tra dieci giorni è previsto un nuovo controllo

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Prima il ritorno dalla Svezia. Poi il tampone (negativo) come da protocollo federale. Quindi l'esame strumentale a 10 giorni esatti dall'infortunio. Visita e chiacchierata molto intensa con Stefano Mazzoni, medico del club rossonero. La lesione al soleo del polpaccio destro ancora c'è, e sarà necessario un nuovo controllo tra 10 giorni. Si allungano leggermente, dunque, i tempi di recupero. Ibra tornerà a correre non prima di quella data. Ecco perché è impensabile rivedere Zlatan in campo prima di fine giugno/inizio luglio.

Verso la Juve in Coppa, le prove di Pioli

Per il resto si lavora a Milanello. Ma non c'è alcuna voglia di rischiare nuovi ko, dopo quelli di Ibra e Duarte e viste le squalifiche di Castillejo e Theo Hernandez in Coppa Italia (oltre a quella dello stesso Ibra). Possibile che Pioli cambi, in vista della gara contro la Juve del 12 giugno, sistema di gioco. Passando dal 4-4-1-1 pre-coronavirus al 4-3-2-1, con l'inserimento di Paqueta sulla linea di trequarti al fianco di Calhanoglu e alle spalle di Rebic. E Leao ancora una volta fuori. Ipotesi, al momento solo ipotesi. Mancano pochi giorni e poi sarà calcio. Vero calcio. E per il Milan quella dello Stadium sarà forse la partita più importante della stagione. C'è da scalare una montagna, viste le assenze, e l'1-1 dell'andata, ma i rossoneri hanno l'obbligo di crederci. Cambierebbe un po' la storia, dell'ultimo Milan.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche