Serie A, 32^ giornata: presentazione, numeri, curiosità e statistiche

Serie A

Neanche tempo di archiviare la 31^ giornata che si riparte subito con il 32° turno: si comincia sabato alle 17.15 con la Lazio impegnata contro il Sassuolo, si proseguirà con Brescia-Roma, per poi concludere la giornata con il big match tra Juventus e Atalanta. Altre 6 sfide nella domenica, con il piatto forte alle 21.45 con Napoli-Milan, per poi concludere il turno lunedì sera con Inter-Torino

SERIE A, LA 32^ GIORNATA LIVE

Lazio-Sassuolo, sabato 11 luglio, ore 17.15

La Lazio vuole riprendere il proprio cammino dopo due sconfitte consecutive, con l'obiettivo di mantenere viva la corsa Scudetto ma cominciando a guardarsi anche alle spalle, con l'Atalanta che adesso è distante soltanto due lunghezze. Di fronte si troverà, però, un compito tutt'altro che semplice, contro un Sassuolo, reduce da tre vittorie consecutive e che ha realizzato ben 16 gol in 7 partite dopo la ripresa del campionato (in totale 57 in 31 giornate). Gli uomini di De Zerbi sono sicuramente una delle squadre più in forma del momento e proveranno a sfatare il tabù Inzaghi, contro il quale non sono ancora riusciti a vincere nei sette precedenti (5 vittorie e 2 pareggi per l'allenatore biancoceleste contro i neroverdi). Nelle 13 sfide tra queste due squadre in Serie A, bilancio nettamente a favore della Lazio: 8 successi, contro 3 pari e 2 vittorie neroverdi.

Brescia-Roma, sabato 11 luglio, ore 19.30

La Roma è ripartita: il 2-1 in rimonta contro il Parma ha ridato ossigeno alla formazione giallorossa, reduce da tre sconfitte consecutive, e le ha permesso di conservare il quinto posto in classifica, alla pari con il Napoli. Gli azzurri però meditano il sorpasso, così come il Milan distante 2 soli punti, e per gli uomini di Fonseca non c'è possibilità di errore se vogliono evitare i preliminari per accedere alla prossima edizione dell'Europa League. Contro troveranno un Brescia alla disperata ricerca di punti, viste le 7 lunghezze che al momento lo separano dalla zona salvezza. A confortare la formazione di Lopez ci sono però alcuni dati storici, come i gol realizzati dal Brescia contro la Roma: i giallorossi sono infatti la squadra alla quale le Rondinelle hanno segnato di più in Serie A (42 reti) e nelle sfide al Rigamonti comandano con 8 vittorie, contro gli 8 pareggi e i successi della Roma.

Juventus-Atalanta, sabato 11 luglio, ore 21.45

LIVE

I rigori salvano la Juve: con l'Atalanta è 2-2

Il big match della 32^ giornata di Serie A è sicuramente quello dell'Allianz Stadium di Torino tra Juventus e Atalanta. Una sfida che improvvisamente è diventata un possibile scontro diretto, con la formazione di Gasperini che, in caso di vittoria, si porterebbe a soli 6 punti dalla vetta a 6 giornate dalla conclusione. Nerazzurri che hanno ripreso il campionato con gli stessi, impressionanti numeri che avevano caratterizzato il periodo pre sosta: in totale sono 9 le vittorie consecutive in campionato (11 se si considera anche il doppio confronto di Champions con il Valencia). I bianconeri, oltre che sui propri campioni, possono affidarsi ai numeri, dal momento che non hanno perso contro l'Atalanta nelle ultime 30 partite di Serie A (24 vittorie e 6 pareggi): l'ultimo successo nerazzurro risale al febbraio 2001.

Genoa-Spal, domenica 12 luglio, ore 17.15

LIVE

Pandev-Schone, punti salvezza Genoa: 2-0 alla Spal

Importantissima sfida salvezza, quella del Luigi Ferraris tra Genoa e Spal. I rossoblù di Davide Nicola non hanno ancora vinto da quando è ripreso il campionato e sono scivolati nuovamente al terz'ultimo posto della classifica, scavalcati dal Lecce, e in questo momento sarebbero retrocessi in Serie B. Stessa sorte che toccherebbe agli uomini di Di Biagio, inchiodati all'ultimo posto della classifica a -9 dalla zona salvezza. Bastano questi numeri a far capire la posta che verrà messa in palio a Marassi. Bilancio che pende leggermente a favore degli ospiti, nei 23 precedenti in Serie A tra le due squadre: 7 vittorie biancoazzurre, 11 pareggi e 5 successi rossoblù. Il Genoa riporterà alla mente sicuramente bei ricordi all'attuale allenatore della Spal, visto che il suo primo gol in Serie A, quando vestiva la maglia del Foggia nell'ottobre 1992, è stato realizzato proprio contro i rossoblù.

Parma-Bologna, domenica 12 luglio, ore 19.30

Derby emiliano per rilanciare le ambizioni europee di Parma e Bologna. Le due formazioni sono reduci da due sconfitte nell'ultimo turno, rispettivamente contro Roma e Sassuolo, e non possono perdere ulteriore terreno se vogliono continuare a coltivare il sogno Europa League. 39 i punti della formazione di D'Aversa, soltanto due in meno rispetto a quella di Mihajlovic, e possibilità di sorpasso proprio nello scontro diretto del Tardini. Sostanziale equilibrio nei 33 precedenti in Serie A tra queste due squadre, con 10 vittorie rossoblù, 14 pareggi e 9 successi gialloblù. Il Parma non riesce però a battere il Bologna in campionato dal dicembre 2012: da allora altre 6 sfide, con due successi rossoblù e quattro pareggi.

Fiorentina-Verona, domenica 12 luglio, ore 19.30

vedi anche

Conte-Juric, battibecco nel primo tempo. VIDEO

Il Verona per provare a mantenere il passo di Milan, Napoli e Roma in zona Europa League, la Fiorentina per togliersi in maniera quasi definitiva dalla lotta per non retrocedere. Obiettivi ribaltati per queste due squadre rispetto alle previsioni di inizio stagione e gara che assume per questo ancora maggiore importanza. A confortare gli uomini di Juric, oltre alla classifica, ci sono anche i numeri, visto che la Fiorentina è la squadra alla quale il Verona ha fatto più gol in Serie A (63 reti) e contro la quale ha vinto più volte (14 successi). Il bilancio in assoluto è però ancora favorevole ai viola, viste le 27 vittorie e i 16 pareggi nei 57 precedenti nella massima serie. Una curiosità: la Fiorentina non vince contro una formazione neopromossa da 8 partite (2 pareggi e 6 sconfitte), l'ultima è stata nel dicembre 2018 contro l'Empoli, guidato in panchina proprio da Giuseppe Iachini.

Cagliari-Lecce, domenica 12 luglio, ore 19.30

La vittoria contro la Lazio ha ridato ossigeno al Lecce, che ha tirato fuori la testa dalla zona retrocessione e si è portato a +1 sul terz'ultimo posto, occupato in questo momento dal Genoa. Contro trova un Cagliari che grazie al pareggio nell'ultimo turno contro la Fiorentina ha raggiunto quota 40 punti e può quindi considerarsi virtualmente salvo. Gli uomini di Zenga vivranno dunque questo finale di stagione senza affanni, con l'intenzione però di provare a rincorrere ancora un posto in Europa, distante oggi 9 punti. Bilancio in sostanziale equilibrio tra queste due squadre nei 17 confronti avvenuti in Serie A: 7 vittorie per il Cagliari, 6 per il Lecce e 4 pareggi.

Udinese-Sampdoria, domenica 12 luglio, ore 19.30

Sfida salvezza tra due squadre che hanno rialzato la testa nelle ultime giornate e vogliono provare a chiudere i conti prima del tempo. 35 i punti dei bianconeri allenati da Luca Gotti, reduci tra 3 risultati utili consecutivi che hanno portato alla classifica 7 punti, frutto delle vittorie contro Roma e Spal e del pareggio contro il Genoa. Prima della sconfitta nell'ultimo turno contro l'Atalanta, gli uomini di Ranieri venivano anche loro da due vittorie consecutive in due scontri diretti contro Lecce e Spal, che gli hanno permesso di salire a quota 32 in classifica e di portarsi a +5 sul terz'ultimo posto. Blucerchiati in vantaggio nei precedenti tra le due squadre, con 32 vittorie, contro i 22 pareggi e i 23 successi bianconeri. L'Udinese dovrà fare i conti anche con la maledizione delle sfide contro la Sampdoria nel girone di ritorno: non riesce infatti a vincere dal 2012-13 (quattro sconfitte e due pareggi).

Napoli-Milan, domenica 12 luglio, ore 21.45

leggi anche

Ibra: "Dura restare. Rangnick? Non so chi sia"

Domenica di Serie A che si concluderà con lo scontro diretto in zona Europa League tra Napoli e Milan. Al San Paolo, Gennaro Gattuso affronta il suo vecchio amore, con il quale (oltre alla lunga carriera da calciatore) ha collezionato 62 panchine in Serie A, sfiorando la qualificazione in Champions League nella scorsa stagione. Gli azzurri, avanti di due punti in classifica rispetto ai rossoneri, non perdono in campionato contro il Milan dal dicembre 2014 (2-0 a San Siro): da allora sei vittorie e quattro pareggi. Questa volta però ci sarà da considerare il fattore Zlatan Ibrahimovic: da quando è arrivato lo svedese, infatti, il Milan viaggia a una media di 1.9 punti a partite in 11 gare, rispetto agli 1.4 nelle 20 sfide precedenti al suo ritorno in Italia. A lanciare la sfida a Ibra ci sarà però Lorenzo Insigne, che non ha segnato di più a nessun'altra squadra italiana di come ha fatto con il Milan (sei in 14 gare).

Inter-Torino, lunedì 13 luglio, ore 21.45

leggi anche

Marotta: "Non torno alla Juve, voglio vincere qui"

Turno di campionato che si concluderà con il Monday Night tra Inter e Torino. I nerazzurri sono in cerca di riscatto dopo le due rimonte subite contro Bologna e Verona che hanno fruttato un solo punto in classifica e hanno provocato il sorpasso in classifica da parte dell'Atalanta. Un quarto posto che Conte vorrebbe assolutamente migliorare in questo finale di stagione. Contro però troveranno un Torino desideroso di punti, reduce dal successo contro il Brescia, per mettersi in una situazione di classifica più tranquilla rispetto a quella attuale. Con 34 punti, gli uomini di Longo sono infatti sopra alla zona retrocessione di 7 lunghezze. Granata che potranno fare affidamento su un precedente importante, visto che non perdono nel girone di ritorno contro l'Inter dalla stagione 2013-14: da allora quattro successi e un pareggio, con addirittura la porta inviolata nelle ultime due occasioni. Dovranno però sfatare la maledizione Conte, contro il quale hanno sempre perso nei cinque precedenti e con il quale hanno un passivo di 10-0 nel computo totale di queste sfide.

SERIE A: SCELTI PER TE