Roma, Pallotta: "Mi auguro che Friedkin impari dai miei errori"

closing

L'ex presidente giallorosso al Corriere dello Sport: "Ho sempre pensato al bene della società. E per la Roma continuerò a volere sempre il meglio, a prescindere dal proprietario"

ROMA, CLOSING DAY LIVE

Il closing è alle porte, un nuovo capitolo si sta per aprire nella storia della Roma. "Alcuni miei manager hanno parlato con Friedkin pochi giorni fa: all'acquirente ho dato la mia piena disponibilità a collaborare sin dallo scorso autunno", James Pallotta ha dichiarato al Corriere dello Sport. "Sono pronto a dare consigli, in modo che Friedkin possa imparare dai miei errori per non ripeterli. Parole che ho già pronunciato davanti a vari testimoni. Nessuno lo può negare". E sul club: "Ho sempre pensato al bene della Roma e continuerò a farlo. Chiunque sia il proprietario".

 

"Passaggio di proprietà a Londra? Non è detto"

approfondimento

Roma, chi è Friedkin: alla scoperta del magnate

Dove verrà formalizzato il closing? "Magari a Boston, a Roma o in Croazia", rimane vago Pallotta. Dunque non necessariamente a Londra come era invece trapelato dalle ultime indiscrezioni. Il presidente uscente ci tiene anche a fare chiarezza sullo stadio di Tor Vergata: "Se abbiamo utilizzato un'altra società al posto della Roma è stato essenzialmente per questioni legali e finanziarie", spiega Pallotta. "Non era una strategia. Dei ricavi ne avrebbe comunque beneficiato il club giallorosso: Friedkin lo vedrà".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche