Cristiano Ronaldo e la Juventus, Paratici: "Ce lo teniamo stretto"

juventus

Il direttore sportivo bianconero su Cristiano Ronaldo: "Ha segnato tantissimo e ha vinto tutto, è ancora il capocannoniere della Serie A. Per noi è un privilegio averlo in squadra e ce lo godiamo. Se rappresenta il futuro della Juve? Senz'altro"

L'uscita dall'Europa aveva lasciato il segno in casa Juventus e riaperto il dibattito intorno alla figura di Cristiano Ronaldo. Lui sui social ci ha messo qualche giorno prima di rompere il silenzio. In campo a Cagliari, invece, appena 32 minuti: 3 gol, uno più bello dell'altro, per rispondere alla sua maniera alle critiche. Poco prima lo aveva fatto anche Fabio Paratici a Sky Sport: "Mi viene da sorridere - ha detto il dirigente -, mai nella mia carriera avrei pensato di dover discutere del valore di Cristiano Ronaldo, se è un'operazione positiva o negativa. Io sono cresciuto in un paesino della Bassa Padana, che si chiama Borgonovo Val Tidone, e questi discorsi li facevo al bar o in parrocchia parlando di Rivera, Mazzola, Baggio e Platini. Mai avrei pensato di poterli affrontare a certi livelli. Parliamo di un giocatore che nel 2020 ha segnato 41 reti in 38 partite con la Juventus. È il capocannoniere della Serie A, ha vinto 5 Palloni d'Oro e ho perso il conto delle Champions League, con noi ha già vinto molti titoli ed è un privilegio averlo nella nostra squadra. Ce lo teniamo stretto e ce lo godiamo il più possibile, siamo contenti di averlo con noi. Se rappresenta il futuro della Juve? Senz'altro".

"Kulusevski? Stessi problemi avuti con Pogba e Dybala"

leggi anche

Tripletta CR7, la Juve si rialza: Cagliari ko 3-1

Sulla stagione, aggiunge: "Questa è un'annata particolare, tutti giochiamo tantissime partite e non possiamo pensare di essere al 100%, anche se vorremmo esserlo. È tutto molto più difficile rispetto agli altri anni, quindi la squadra ha fatto tante partite buone e altre meno, come tutte le grandi d'Europa”. Il finale di stagione sarà importante anche in chiave mercato, per valutare il posizionamento in campo di alcuni calciatori come Kulusevski: "Chiaramente ora siamo concentrati sulle ultime partite, abbiamo ancora tante giornate di campionato e una finale di Coppa Italia da affrontare. Però Kulusevski ha 20 anni e come tutti i giocatori di 20 anni è in continua evoluzione, vedremo in che posizione renderà di più e come si trasformerà fisicamente. Abbiamo già vissuto questo con Pogba, Dybala, Coman, Bentancur, a quest'età i calciatori cambiano e hanno bisogno di giocare in un ruolo piuttosto che in un altro".  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.