Mourinho dopo Roma-Udinese: "Rosso a Pellegrini ridicolo, dopo ko la squadra si è unita"

roma

L'allenatore giallorosso ha parlato anche di cosa manca alla sua squadra per competere con i top club: "Serve tempo e forse anche qualcos'altro. Una proprietà pazza non si preoccupa del domani, qui le cose devono essere fatte in modo sostenibile. Rosso a Pellegrini? Ingiusto, faremo il possibile per averlo nel derby"

ROMA-UDINESE 1-0, GOL E HIGHLIGHTS

La Roma torna alla vittoria dopo la sconfitta contro il Verona e centra il quarto successo in cinque gare di campionato. Tre punti conquistati non senza fatica, al termine di una prestazione che ha però soddisfatto Josè Mourinho: "La partita dopo una sconfitta è sempre più difficile dal punto di vista emotivo, però i primi 35 minuti sono stati i migliori del nostro campionato. Controllo totale della partita e siamo riusciti a creare, a fare un gol e non rischiare nulla. Avevamo la partita in tasca. Nel secondo tempo c'è stata la reazione dell'Udinese, abbiamo perso un po' di controllo, però siamo sempre stati squadra. Nei minuti finali, con un giocatore in meno, non abbiamo avuto nessun problema. La squadra si è unita, partita difficile, però tre punti meritati".

"Mi serve tempo e anche qualcos'altro..."

approfondimento

L'impatto dei nuovi acquisti: Dzeko sempre 1°

L'allenatore portoghese ha proseguito, spiegando cosa manca alla sua squadra per essere al livello dei top club del campionato: "Mi manca tempo e forse qualcos'altro di cui non voglio parlare. Sicuramente il tempo, in questo momento sono concentrato a far crescere la squadra. Il club a livello organizzativo lavora molto bene, io porto semplicemente il mio contributo legato alla mia esperienza. Abbiamo bisogno di tempo e di qualcosa in più, ma il tempo lo porterà". Un messaggio alla dirigenza? "Anche la dirigenza ha bisogno di tempo. Una proprietà pazza non si preoccupa del futuro del club, abbiamo tanti esempi di questo tipo di gestione in tutta Europa. Questa proprietà si preoccupa dell'oggi e anche del domani, le cose devono essere fatte in modo che il club sia sostenibile. I tifosi devono controllare le loro emozioni, sostenere la squadra come hanno fatto stasera. Questo mi è piaciuto molto, durante la strada da Trigoria all'Olimpico abbiamo sentito che la gente era con noi anche dopo una sconfitta. Questo per me significa tanto. 12 punti in 5 partite sono molto buoni, dobbiamo continuare con tranquillità".

"Faremo di tutto per avere Pellegrini nel derby"

leggi anche

Serie A, il calendario del prossimo turno

Infine una battuta sull'espulsione nel finale di Pellegrini, che costerà al capitano giallorosso la presenza del derby. Un cartellino rosso immeritato secondo Mourinho: "Non conosco i meccanismi legali nel calcio italiano, però dobbiamo cercare in tutti i modi di farlo giocare domenica. Ho tanti dubbi che ci sia qualcuno che possa dire che quello è un secondo giallo meritato. Voi lo definite severo, io lo definisco ridicolo. Abbiamo avuto una riunione educativa con il signor Valeri. Ci ha spiegato tutto il regolamento per due ore, poi arriviamo alla partita e ci arriva un rosso così. Non posso dire niente se non che sia ridicolo. Il calcio è e sarà sempre calcio. Non può essere cambiato in uno sport non di contatto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche