Serie A, 36^ giornata: presentazione, numeri, curiosità e statistiche

Serie A

Derby scudetto tra Milan e Inter, corsa per l'Europa e lotta per la salvezza: tutto ancora aperto in Serie A. La presentazione della terzultima giornata di campionato, con orari, statistiche e curiosità sulle singole partite

SALERNITANA-CAGLIARI LIVE

Inter-Empoli, venerdì 6 maggio, ore 18.45

Sono 27 i precedenti tra queste due squadre, con i nerazzurri in netto vantaggio nel bilancio generale: 21 successi, contro tre pareggi e tre sconfitte. L'Inter è imbattuta da 13 gare contro l'Empoli ed è reduce da otto vittorie consecutive contro i toscani, con una media di 2 reti a partita. L'ultimo successo degli azzurri risale al 30 aprile 2006 al Castellani: 1-0 con autogol di Materazzi. L'Empoli, nella sua storia, non ha mai perso 9 partite consecutive contro un singolo avversario (quella attuale con i nerazzurri è la peggior striscia di sempre, insieme a quella con la Juve tra il 2014 e il 2019). L'Inter ha totalizzato 75 punti a tre giornate dalla fine del campionato per la quinta volta nella sua storia e nelle precedenti quattro occasioni ha sempre vinto lo scudetto. Nonostante questo, i nerazzurri hanno 10 punti in meno rispetto allo scorso anno.

Genoa-Juventus, venerdì 6 maggio, ore 21.00

Sarà la 110^ sfida tra queste due squadre, con i bianconeri che hanno vinto 67 dei 109 precedenti (bilancio completato da 21 pareggi e 21 successi rossoblù). La Juventus è reduce da cinque vittorie consecutive contro il Genoa e potrebbe registrare la striscia di successi più lunga dopo quella tra il 1957 e il 1960, quando si arrivò a sette. Queste due squadre non pareggiano dall'11 marzo 2012: da quel giorno sono arrivate tre vittorie per i rosssoblù e sei per i ianconeri. Il Genoa ha il peggior attacco del campionato con appena 25 reti segnate, 0.7 a partita: solo in due stagioni in Serie A i rossoblù hanno fatto peggio e in entrambi i casi sono retrocessi.  

Torino-Napoli, sabato 7 maggio, ore 15.00

approfondimento

Vendere per poi comprare: Spalletti perderà un big

Sono ben 135 i precedenti tra questi due club: azzurri in vantaggio nel bilancio generale con 48 vittorie, contro i 32 successi granata e i 55 pareggi. Il Napoli non perde contro il Torino dal primo marzo del 2015, 1-0 firmato da Glik: da quel giorno sono arrivate 9 vittorie e 4 pareggi. Gli azzurri, inoltre, hanno vinto gli ultimi due confronti tenendo la porta inviolata e non mettono in fila tre clean sheet contro i granata dal 1982. Il Torino, invece, ha raccolto un solo punto nelle ultime sei gara interne giocate contro il Napoli: dal 2015/2016 contro nessuna squadra affrontata almeno due volte ha fatto peggio. In questo momento, però, la squadra di Juric è imbattuta da sei giornate (3 vittorie e 3 pareggi): solo il Milan, in Serie A, non perde da più partite (13).

Sassuolo-Udinese, sabato 7 maggio, ore 18.00

Sarà il 18° confronto diretto tra queste due società, con i bianconeri che hanno vinto 7 volte nei 17 precedenti (4 successi neroverdi e 6 pareggi completano il bilancio). Il Sassuolo non vince da sette partite contro l'Udinese (4 sconfitte e 3 pareggi), si tratta della striscia aperta più lunga senza successi contro un singolo avversario in Serie A. L'Udinese ha vinto entrambe le sfide giocate nel 2021 contro i neroverdi e per la prima volta potrebbe arrivare a tre vittorie di fila. Il Sassuolo è reduce da tre sconfitte consecutive con un totale di 9 gol subiti: dal 2016 non arrivano quattro ko di fila, in panchina all'epoca c'era Eusebio Di Francesco.

Lazio-Sampdoria, sabato 7 maggio, ore 20.45

Sono 111 i precedenti tra queste due squadre: 53 le vittorie registrate dai biancocelesti, 31 i pareggi e 27 i successi blucerchiati. Nelle ultime 20 gare affrontate contro la Sampdoria, la Lazio ha mancato l'appuntamento con il gol in una sola occasione. In questo ciclo di partite sono arrivate appena due sconfitte, per il resto 15 vittorie e 3 pareggi. L'ultimo successo blucerchiato all'Olimpico risale al 23 gennaio 2005 (1-2 con Novellino in panchina): da quel giorno la Lazio ha ottenuto 12 successi e 3 pareggi. I biancocelesti non perdono da 10 gare contro avversari liguri (9 vittorie e 1 pareggio) e hanno vinto gli ultimi otto confronti segnando ben 27 gol.

Spezia-Atalanta, domenica 8 maggio, ore 12.30

approfondimento

Classifiche a confronto: Fiorentina chiude a +22

Sarà la quarta sfida tra queste due squadre, con i bianconeri che inseguono ancora il primo successo. Lo Spezia, infatti, ha perso le due partite giocate a Bergamo, mentre ha pareggiato l'unico confronto fin qui affrontato in Liguria (0-0 a novembre 2020). Da inizio febbraio, solo il Venezia (10) ha perso più partite della squadra di Thiago Motta in Serie A: in 12 gare, infatti, sono arrivati 8 ko, con il bilancio completato da 2 vittorie e 2 pareggi. L'Atalanta, invece, ha raccolto appena 18 punti nel girone di ritorno, dopo aver chiuso a quota 38 il girone d'andata. I nerazzurri hanno totalizzato 16 punti in meno rispetto allo scorso anno e sono la squadra ad aver il maggior scarto tra i punti conquistati in trasferta (36) e quelli conquistati in casa (appena 16).

Venezia-Bologna, domenica 8 maggio, ore 15.00

Sono 25 i precedenti: 10 successi rossoblù, 6 per gli arancioneroverdi e 9 pareggi. Il Venezia ha battuto il Bologna anche nel match di andata e può ottenere due successi nello stesso campionato per la seconda volta nella sua storia, a distanza di quasi 80 anni dalla prima (stagione 1942/1943). La squadra veneta, però, è reduce da cinque ko consecutivi in casa contro i rossoblù, l'ultimo successo interno risale al 1947 (2-0). Il Venezia, inoltre, ha perso le ultime quattro partite giocate al Penzo in questo campionato e nella sua storia non è mai arrivato a cinque ko di fila. Il Bologna, invece, è imbattuto da 6 giornate (4 pareggi e 2 sconfitte) e ha raccolto 43 punti: i rossoblù possono ancora battere il record di punti in un singolo campionato a 20 squadre nell'era dei 3 punti (51 nella stagione 2011/2012).

Salernitana-Cagliari, domenica 8 maggio, ore 18.00

Sfida decisiva per la salvezza, quarto confronto di sempre tra queste due squadre. La Salernitana insegue ancora la prima vittoria contro il Cagliari, che ha ottenuto due successi e un pareggio nei tre precedenti. Quest'ultimo è maturato nella gara d'andata, giocata lo scorso 26 novembre e conclusosi sull'1-1 con gol di Pavoletti e Bonazzoli. Gli altri due confronti diretti, invece, erano stati giocati nel 1999 e avevano visto i rossoblù vincere per 3-1 in entrambe le occasioni. A tre giornate dalla fine il Cagliari ha 28 punti, record negativo da quando il campionato di Serie A è a 20 squadre insieme al pari della stagione 2014/2015, culminata con la retrocessione in Serie B.  

Verona-Milan, domenica 8 maggio, ore 20.45

approfondimento

Milan-Inter, arrivo a pari punti? Quand'è successo

Questo sarà l'incontro numero 60 in Serie A tra questi due club: nei 59 precedenti, 28 successi rossoneri, 21 pareggi e 10 vittorie gialloblù (l'ultima nel dicembre 2017 per 3-0). Il Milan ha vinto le ultime due gare giocate al Bentegodi e, nella sua storia, non ha mai ottenuto tre successi di fila in casa del club veneto. I rossoneri non perdono in Serie A da 13 gare: in Europa, solo il Liverpool (che non perde da dicembre) ha una striscia d'imbattibilità più lunga. L'ultima volta che il Milan ha ottenuto almeno 77 punti dopo 35 giornate era la stagione 2010/2011, quella dello scudetto con Allegri in panchina. Nelle ultime 15 stagioni, i rossoneri non hanno mai toccato quota 80 dopo 36 gare, cosa che farebbero vincendo a Verona.  

Fiorentina-Roma, lunedì 9 maggio, ore 20.45

approfondimento

Chi segna di più negli ultimi 15': Arnautovic 1°

Giallorossi in vantaggio nei 165 precedenti con 57 vittorie, contro le 48 sconfitte e i 60 pareggi. La Roma ha vinto le ultime cinque gare giocate in Serie A contro la Fiorentina e potrebbe diventare la prima squadra ad arrivare a sei successi di fila contro i viola dal Milan (7 tra il 2008 e il 2011). I giallorossi, inoltre, hanno perso solo una delle ultime nove partite giocate al Franchi (1-0 nel settembre 2016, gol di Badelj): per il resto sei vittorie e 2 pareggi. La Fiorentina arriva da tre sconfitte consecutive in campionato e non ne perde quattro di fila dal dicembre 2019, con Montella in panchina.