Chiellini: "Se fossimo andati ai Mondiali sarei rimasto alla Juve un altro anno"

LE PAROLE

Il difensore si racconta a Sportweek: "Avrei voluto cambiare la mia storia con il Mondiale, non è mai stata felice". E  aggiunge: "Se ci fossimo qualificati per la Russia avrei lasciato la nazionale subito dopo"

ITALIA-GERMANIA LIVE

Dal passato al futuro, tra Juventus, Serie A e Nazionale. Giorgio Chiellini, vicino al passaggio in MLS ai Los Angeles FC, si racconta in un'intervista a Sportweek. Il difensore  rivela che l'eliminazione dell'Italia dal Mondiale è stata determinante per le sue scelte future. "Se la Nazionale si fosse qualificata, avrei continuato a giocare in Italia con la Juventus. Avrei voluto provare a cambiare la mia storia con il Mondiale, che non è mai stata felice. Ci ho provato con tutto me stesso ma non ci sono riuscito".

"Russia? Se ci fossimo qualificati avrei lasciato la Nazionale subito dopo"

IL SALUTO

Chiellini e l'addio alla Nazionale

Chiellini ripercorre gli ultimi anni della Nazionale ai Mondiali: "Nel 2010 siamo usciti in malo modo in un girone più che abbordabile, nel 2014 eravamo partiti alla grande ma ci siamo complicati la vita perdendo il posto da testa di serie perché poi abbiamo giocato in condizioni davvero proibitive, con viaggi, orari e caldo folli. Nel 2018 non ci siamo nemmeno qualificati e io avevo questo grande rammarico. Penso che se ci fossimo qualificati per la Russia avrei lasciato la Nazionale dopo quel Mondiale. E probabilmente avrei fatto male, perché poi ho avuto i miei anni migliori".

 

"Sarebbe stato bello giocare un Mondiale in inverno"

Impossibile non parlare poi della mancata qualificazione azzurra ai prossimi Mondiali. "I rigori danno e tolgono. Agli Europei c’è andata bene, con la Svizzera no. Bastava un solo rigore di Jorginho per qualificarci, tra andata e ritorno. Purtroppo li ha sbagliati entrambi. Poi con la Macedonia la palla non è entrata e abbiamo preso gol al 90′. E’ andata così, purtroppo dispiace, sarebbe stato bello giocare un Mondiale in inverno".