Serie A vince ricorso contro Figc: indice di liquidità non serve per iscrizione

Serie A
Lega Serie A official ball during the italian soccer Serie A match Udinese Calcio vs UC Sampdoria on March 05, 2022 at the Friuli - Dacia Arena stadium in Udine, Italy (Photo by Alessio Marini/LiveMedia/NurPhoto via Getty Images)

Il Collegio di Garanzia del Coni ha accolto il ricorso della Lega Serie A contro la Figc sul tema indice di liquidità, che dunque non sarà obbligatorio per l'iscrizione al prossimo campionato. Tutti i club di serie A avevano depositato la documentazione richiesta calcolata sulla base della situazione patrimoniale al 31 marzo 2022

Non ci sarà bisogno di rispettare i parametri dell'indice di liquidità fra i parametri dell'iscrizione alla prossima serie A. Lo ha stabilito il Collegio di Garanzia del Coni accogliendo il ricorso della Lega Serie A contro la Figc. “Il Collegio di Garanzia, a Sezioni Unite, all’esito della camera di consiglio tenutasi in data 9 e 13 giugno 2022, in parziale accoglimento del ricorso proposto dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A avverso il Comunicato Ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio – FIGC n. 220/A del 27 aprile 2022 recante la pubblicazione della delibera del Consiglio Federale FIGC del 26 aprile 2022 di approvazione del Sistema delle Licenze Nazionali per l’ammissione al Campionato Professionistico di Serie A maschile 2022/2023; la delibera del 26 aprile 2022 di approvazione del Sistema delle Licenze Nazionali per l’ammissione al Campionato Professionistico di Serie A maschile 2022/2023; il Manuale Licenze Nazionali Serie A 2022/2023 e ogni altro atto presupposto, connesso e conseguente, ha annullato i provvedimenti impugnati nella parte in cui si prevede che la verifica del possesso del requisito dell’indice di liquidità sia fissata in un termine antecedente alla chiusura dell’esercizio in corso”, si legge nella nota.

Lega Serie A: "Soddisfazione per decisione presa"

leggi anche

Indice di liquidità, tutte le squadre di A depositano il documento

La Lega Serie A prende atto con soddisfazione del pronunciamento odierno del Collegio di Garanzia del CONI in merito al manuale delle licenze nazionali 2022/2023 approvato dalla FIGC e contenente, tra l’altro, l’introduzione dell’indice di liquidità come requisito di ammissione al campionato. Il dispositivo, comunicato dal massimo organo della giustizia sportiva, conferma la fondatezza delle obiezioni espresse a più riprese dalla Lega in merito ad una misura inopportuna non certo nel merito, ma nei modi e nelle tempistiche, soprattutto per gli effetti retroattivi sulla gestione in corso. L’auspicio è che da oggi si possa riprendere a lavorare tutti insieme per perseguire concretamente e in tempi rapidi quelle riforme che tutti, a cominciare dalla Lega Serie A, ritengono non più procrastinabili. Riforme che, per l’appunto, devono essere improntate sul dialogo e sulla sostenibilità diretta al rafforzamento della competitività del movimento calcistico italiano in sede nazionale e internazionale”, conclude la Lega Serie A.

Figc: "Decisione presa può compromettere regolarità campionato"

vedi anche

Ricorso Lega Serie A contro Figc su indice liquidità

"Il dispositivo ci lascia molto perplessi, soprattutto perché di difficile comprensione e inoltre emesso dalle Sezioni Unite del Collegio di Garanzia e non dalla competente Sezione sulle controversie in materia di ammissione alle competizioni professionistiche", ha dichiarato all'Ansa il legale della FIGC, Gennaro Terracciano: "Siamo sereni e ci attiveremo per fare ricorso, anche perché tale decisione rischia di compromettere la regolarità del campionato