Foggia-Brescia, Stroppa: "Abbiamo perso sull'aspetto nervoso. Male in ripartenza"

Serie B

Si ferma dopo quattro vittorie consecutive la striscia del Foggia, che esce sconfitto dallo "Zaccheria": passa il Brescia 2-1 in rimonta. L'amarezza di Stroppa: "Non è facile dopo quattro vittorie consecutive giocare al 100%"

SERIE B, I RISULTATI DELLA 27^ GIORNATA: GOL E HIGHLIGHTS

Il Foggia non riesce a ripetersi e interrompe la striscia di quattro vittorie consecutive: allo "Zaccheria" passa il Brescia, che con Torregrossa e Caracciolo rimonta l'iniziale vantaggio di Mazzeo. L'allenatore rossonero Giovanni Stroppa, intervenuto in conferenza stampa, ha commentato l'andamento del match: "Abbiamo perso sull'aspetto nervoso. Ma vanno dati anche i giusti meriti al Brescia che è venuto a giocare qui con grande personalità. Noi inoltre siamo stati meno brillanti del solito, arrivavamo sempre secondi sulla palla. E poi anche gli episodi hanno dato al Brescia la forza e il coraggio per ribaltare la gara". Stroppa insiste sull'aspetto psicologico: "Pur avendola preparata molto bene e sapendo di trovare una squadra organizzata, non è facile dopo quattro vittorie di fila giocare sempre al 100% Non posso recriminare nulla dal punto di vista dell'impegno, ma forse è stato fatto un passo indietro sul piano nervoso. Abbiamo sbagliato nelle ripartenze e nel palleggio, caratteristiche in cui siamo più bravi altre volte. Non dobbiamo comunque fermarci, ma andare avanti. I risultati fin qui ottenuti ci danno autostima, ora dobbiamo rimboccarci le maniche e ripartire".

"Il rigore? Mi lascia l'amaro in bocca..."

L'analisi dell'allenatore rossonero prosegue nel dettaglio: "Dopo un primo tempo equilibrato in cui siamo passati in vantaggio grazie ad un episodio, nella ripresa abbiamo ceduto un po' il passo. I primi 20' del secondo tempo hanno dato al Brescia la possibilità di crederci e rimontare. Il rigore? Mi lascia un po' di amaro in bocca - ammette Stroppa - forse è stato un po' cercato. Ma non cerco scuse". Sulle scelte e sui singoli, Stroppa dichiara: "Dovevo scegliere tra Fedato e Floriano per saltare l'uomo nell'uno contro uno, mentre su Gerbo ho pensato che abbiamo due partite ravvicinate e che Scaglia potesse essere la scelta migliore. Zambelli? Ha fatto molto bene fin qui, ma come tutti: ho una squadra che mi permette di scegliere diversamente. Ora pensiamo a Novara: dovremo innanzitutto recuperare le energie nervose. Giocheremo sul sintetico e questo mi preoccupa, soprattutto in ottica recupero".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche