Ascoli, Bellini: "Lascio la società, decisione sofferta"

Serie B
bellini_ascoli

Il presidente dell'Ascoli sulla situazione societaria: "Sono costretto a lasciare, dovevo farlo l'anno scorso ed è stata una decisione sofferta. Ho avuto più incontro, con Bricofer c'è stata una stretta di mano e restano da definire alcuni aspetti"

IL RACCONTO DEL PLAYOUT ASCOLI-ENTELLA

La stagione si è conclusa con il lieto fine, è arrivata una salvezza inseguita a lungo della squadra di Serse Cosmi e raggiunta all'ultimo atto, nel playout contro la Virtus Entella. Per l'Ascoli ora è tempo di cambiamenti, con il cambio della guardia al comando della società: Bellini ha ceduto le sue quote al gruppo Bricofer Spa. E lo stesso presidente bianconero, con questa conferenza stampa, ha chiarito l'intera vicenda: "Vi avevo preannunciato tempo fa che sarei uscito dall’Ascoli, avrei dovuto farlo un anno fa – ha dichiarato - Per me è stata una decisione non facile, molto sofferta e oggi ho qui con me mio figlio, mia moglie e il Presidente della Picchio International. Ho letto che in questi quattro anni avrei fatto i soldi con l’Ascoli: sono riuscito a recuperare un po’ con le cessioni di Orsolini e Favilli, è vero, ma dal 2014 ad oggi la perdita netta è superiore ai dieci milioni senza contare il Picchio Village, su cui abbiamo investito 4 milioni e che alla fine saranno 5. Dico questo per farvi capire quanto sia costoso gestire una società di calcio. Per quanto riguarda la cessione, tutto è stato avviato, abbiamo parlato con i potenziali acquirenti. In realtà ad essere interessati erano 6-7 gruppi, ad alcuni non abbiamo neanche risposto perché non c’era tempo".

"Con Bricofer stretta di mano, restano da definire alcuni aspetti"

Sulle trattativa aggiunge: "Abbiamo valutato tre proposte: la prima è stata quella di un gruppo svizzero, la Re-Outside, con cui c’è un accordo di principio firmato, ma che è saltato dalla nostra parte. La seconda proposta è quella di Bricofer, con cui c’è un accordo di principio, che è ancora distante dall’essere definitivo perché restano da definire aspetti importati come le condizioni di utilizzo del Picchio Village. Ho incontrato il Presidente di Bricofer e mi sembra molto interessato, c’è stata la stretta di mano, ma non vincolante e, se ci metteremo d’accordo su tutto, i nuovi prenderanno il controllo della Società. Il terzo gruppo, che era in vantaggio su tutti gli altri, è formato da un gruppo di avvocati romani, ma a farli desistere sono stati i costi di gestione per il mantenimento di una società in Serie B, quindi da questo capisci che non c’era un interesse pari a quello che avevo io".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche