Roma, Kluivert ha firmato. Retroscena: a Roma grazie a papà e Totti. Mamma voleva la Premier

Calciomercato

Il talento olandese ha superato le visite mediche e firmato il contratto. L'ex Ajax, classe 1999, è il quarto colpo di Monchi dopo Coric, Marcano e Cristante. Il retroscena di calciomercato-familiare: mamma lo voleva in Inghilterra, ma le telefonate tra Totti e papà Patrick hanno sbloccato tutto...

ROMA GIA' PAZZA DI KLUIVERT, ENTUSIASMO A FIUMICINO

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO

A Roma, sponda giallorossa, è il Kluivert-day. Il calciatore, acquistato dalla Roma per 15 milioni più 2,5 di bonus oltre a una percentuale su una futura rivendita, ha completato nella giornata di martedì le visite mediche a Villa Stuart, dopo essere stato accolto nell'entusiasmo generale di tutti i tifosi presenti. Due ore di controlli e nessuna complicazione in seguito agli accertamenti, quindi si attende soltanto la firma sul contratto che lo legherà ai giallorossi e l'annuncio ufficiale del suo trasferimento. Justin è un figlio d'arte: suo padre Patrick ha giocato tra le altre con Ajax, Milan e Barcellona, oltre ad essere stato un pilastro per la nazionale olandese. 

Il retroscena: mamma lo voleva in Premier, poi la chiamata di Totti a papà Patrick…

La mamma lo voleva in Premier League. La ex signora Kluivert - i genitori di Justin sono separati e il rapporto tra i due non è dei migliori - non era convinta della destinazione romana del giovane figlio. E’ il retroscena di calciomercato familiare raccontato da Paolo Condò a Calciomercato su Sky Sport. Poi alcune telefonate tra papà Patrick e Francesco Totti hanno sbloccato tutto. L’opera di convincimento dell’ex capitano giallorosso ha dunque sbloccato la trattativa portando così il 19enne nella Capitale.

Justin Kluivert: il profilo

Ma chi è Justin Kluivert? L'ultima stagione trascorsa all'Ajax lo ha visto realizzare 10 gol in 30 presenze: nessun paragone col padre però, visto che caratteristiche e posizionamento in campo differiscono e non di poco. Tanto che Justin è stato soprannominato "figlio di nessuno". Un po' per questo, un po' perché la sua aspirazione è far brillare quel cognome di luce propria, un giorno. Justin, classe 1999, ha debuttato con la maglia dell'Ajax a 18 anni. Ma da molto prima di quel giorno aveva fissato l'obiettivo, senza paura di volare troppo alto: "Diventare il più forte del mondo". Apprezzando Ronaldinho e seguendo il modello CR7. Caratteristiche? Corsa, dribbling. Esterno (nasce come esterno destro, oggi gioca a sinistra) che sa divertire ma senza scadere in numeri poco utili: bello ma concreto, soprattutto quando si accentra e si accende. Insomma, un'arma non da poco per il gioco e le idee di Eusebio Di Francesco.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche