Calciomercato, Zarate al Boca Juniors. La moglie ha paura: "Uccideranno noi e i nostri figli"

Calciomercato
zarate_moglie__1_

Natalie Weber, dopo il trasferimento del marito al Boca Juniors, teme per la propria incolumità e quella dei figli: "Siamo stati minacciati, temo ci uccideranno". E l'attaccante spiega: "È una scelta sportiva, non economica"

CALCIOMERCATO LIVE, TUTTE LE NEWS IN DIRETTA

IL TABELLONE DEL CALCOMERCATO

ZARATE VA AL BOCA, IL FRATELLO: "PER NOI NON ESISTE PIU'"

Se l'Italia e la Spagna sono in fibrillazione per la trattativa di Cristiano Ronaldo, in Argentina l'attenzione è concentrata quasi esclusivamente su Mauro Zarate. L'ex attaccante di Lazio, Inter e Fiorentina ha da poco firmato per il Boca Juniors, un trasferimento che ha alzato un polverone attorno a lui. "Traditore". Così è stato etichettato dai suoi ormai ex tifosi del Velez e anche dal fratello che ha promesso di interrompere ogni rapporto con lui. Una scelta drastica, ma niente di paragonabile a quanto sta succedendo in queste ore. La moglie di Zarate, Natalie Weber, ha infatti denunciato minacce di morte arrivate a lei e ai suoi bambini: "Uccideranno i miei figli e anche noi - ha dichiarato spaventata -. Abbiamo ricevuto minacce su WhatsApp, Instagram e Twitter, La gente non capisce che questo è solo lavoro". La paura per la famiglia argentina è poi ulteriormente aumentata quando la scuola frequentata dalla piccola Mia è stata evacuata per il falso annuncio di una bomba. Una situazione divenuta insostenibile e che il calciatore ha provato a spiegare ai microfoni di Tyc Sports: "Non pensavo che questo trasferimento potesse generare tanta rabbia nelle persone, con minacce e insulti - ha detto il classe '87 tra le lacrime -. Ora dovremo aspettare un po’ per far calmare le acque e rassicurare mia moglie e i miei figli".

"Ho preso questa decisione solo per motivazioni di natura sportiva e non economica, altrimenti sarei rimasto in spiaggia a Dubai - ha continuato -. Ho accettato la sfida di giocare per il Boca e godermi gli ultimi anni della mia carriera. So che non ho mantenuto la parola data e la cosa mi fa soffrire, ma fa male che venga dimenticato quanto di buono ho fatto, ho perso le parole e non è una bella cosa perché le parole sono importanti. I miei fratelli non hanno niente a che fare con tutto questo. La mia è una scelta personale e l'ho presa confrontandomi con mia moglie. So di aver deluso i miei compagni, l'ho visto nei loro volti quando l'ho comunicato. Era presente anche mio nipote e non riuscivo quasi a parlare per le lacrime. Il presidente del Velez ha detto che mi è stata promessa la Nazionale, ma non è vero, non so perché abbia detto tutto ciò. Non riesco ancora ad immaginare come sarà giocare contro il Velez, ma sono un professionista e darò tutto per vincere con il Boca".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.