Ronaldo alla Juventus, altro indizio: vertice Agnelli-Allegri a Torino

Calciomercato

Non solo Madrid, qualcosa si muove anche a Torino: in mattinata si sono incontrati il presidente Agnelli e Allegri. Uno degli argomenti trattati, se non quello principale, è stato il possibile arrivo di Cristiano Ronaldo

RONALDO-JUVE: COSA SAPPIAMO FINORA

CALCIOMERCATO LIVE - TABELLONE

Un altro piccolo pezzo del puzzle che compone la trattativa Cristiano Ronaldo-Juventus e che stavolta arriva da Torino e non da Madrid. In mattinata, infatti, si sono incontrati nel capoluogo piemontese il presidente bianconero Andrea Agnelli e Massimiliano Allegri, che pare abbia interrotto le proprie vacanze per presenziare ad un summit in città durante il quale, con ogni probabilità, il principale argomento trattato è stato il possibile arrivo di CR7 in bianconero. Riunioni di questo tipo non sono affatto inusuali per quanto riguarda la dirigenza e l'allenatore, ma la tempistica lascia intendere che si sia discusso della portata di un innesto che andrebbe ad incidere molto in casa Juventus, non solo economicamente e mediaticamente, ma anche tecnicamente. Sono ore decisive e d'attesa, che secondo quanto filtra dall'ambiente bianconero, la Juventus sta vivendo con molta calma.

Marca: "Nella notte rottura definitiva tra CR7 e il Real"

Un puzzle che si compone sempre più di altri pezzi: l’ultimo è la rottura definitiva tra Ronaldo e il Real Madrid avvenuta nella notte. Secondo quanto riporta Marca infatti, durante l’incontro tra l’agente di Cristiano, Jorge Mendes, e il braccio destro di Florentino, José Ángel Sánchez, è stato sancito l’addio definitivo tra il cinque volte pallone d’oro e la casa blanca. Ronaldo non intende più sopportare il trattamento ricevuto – riferisce il quotidiano sportivo molto vicino alle vicende del Real – e ha deciso di porre fine alla sua esperienza al Real Madrid. E lo sta facendo anche grazie ad una clausola che gli consentirebbe di approdare in Italia per 100 milioni. La clausola, verificata dal quotidiano spagnolo, è probabilmente il vero nodo della questione, il vero motivo che ha spinto Cristiano a voler lasciare Madrid: l'abbassamento a 100 milioni (rispetto ai 1000 iniziali) e valido soltanto per i club "non rivali" del Real Madrid (Barcellona, United e PSG su tutti) è stato vissuto da Ronaldo come un affronto e come un'intenzione, da parte di Florentino Perez, di facilitare l'eventuale partenza verso la Cina o gli Stati Uniti. E invece potrebbe essere la Juventus a presentare questa offerta: sempre secondo Marca, infatti, Jorge Mendes avrebbe assicurato a Sánchez che nelle prossime ore arriverà anche il primo passo ufficiale dei bianconeri in questo senso.

Radio spagnole: "Deve essere Ronaldo a dire di voler andar via"

In controtendenza rispetto a quanto riportato da molti media spagnoli finora ci sono alcune radio, che riferiscono di una situazione diversa venutasi a creare prima del Mondiale. Cope riporta infatti che prima di partire per la Russia, Ronaldo aveva raggiunto un accordo con Florentino per portare il suo stipendio a 30 milioni, continuare al Real e quindi invalidare la clausola di 100 milioni, riportando la cifra a un miliardo di euro. Pertanto, sempre secondo Cope, questa sarà la cifra che intende chiedere il Real. Non viene escluso, però, che possa trattarsi di una "mossa" per spingere CR7 a dire pubblicamente di voler andar via e fare in modo che "il cattivo" della situazione, agli occhi dei madridisti, non sia più Florentino ma lo stesso Cristiano.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche