Calciomercato, Cristiano Ronaldo alla Juve: per il sì Perez aspetta solo che CR7 si esponga

Calciomercato
Cristiano Ronaldo (Getty)

Il presidente della società spagnola disposto ad avallare la cessione di Cristiano Ronaldo alla Juventus per 100 milioni di euro solo a condizione che il giocatore ammetta pubblicamente il suo desiderio di lasciare Madrid

LIVE: TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

RONALDO-JUVE: COSA SAPPIAMO FINORA

Una trattativa entrata ormai nel vivo, nella sua fase più ‘rovente’: Cristiano Ronaldo lascia il Real Madrid per trasferirsi alla Juventus? La società bianconera attende solo l’ultimo ok da parte di Jorge Mendes, con l’agente del calciatore impegnato a definire la pratica con il club spagnolo. Un filo diretto che fa aumentare l’ottimismo nella società bianconera, con la Juventus che attende solo la certezza (questa volta messa per iscritto e non solo verbale) sui 100 milioni di euro – che potrebbero diventare 120 tasse incluse – come prezzo di uscita di Cristiano Ronaldo. Come riporta As al momento è proprio questo lo snodo principale della trattativa: Florentino Perez non vuole infatti essere ricordato come il presidente che ha venduto Cristiano Ronaldo e per confermare l’accordo verbale preso lo scorso gennaio con Jorge Mendes – la cessione di CR7 per appunto 100 milioni di euro anziché il miliardo della clausola di risoluzione – pretende che sia lo stesso calciatore portoghese ad esporsi personalmente ammettendo il suo desiderio di lasciare Madrid. Se così non sarà, allora il presidente del Real Madrid è intenzionato a far valere la clausola di 1 miliardo di euro presente nel contratto del giocatore senza nessuno sconto. Per CR7 si tratterebbe di un tributo da pagare per lasciare il Real Madrid a prezzo di saldo, un po’ come successo a Xabi Alonso nell’estate del 2014: per facilitare il suo trasferimento al Bayern Monaco, infatti, il centrocampista spagnolo ammise pubblicamente in conferenza stampa il suo desiderio di lasciare i Blancos.

CR7 e il Real, un addio concordato per ottenere lo 'sconto'

Per far partire Cristiano Ronaldo per 100 milioni di euro (120 tasse comprese), dunque, Florentino Perez pretende un’uscita pubblica da parte del giocatore nel corso della quale lo stesso CR7 ringrazi pubblicamente il popolo del Real (e il suo presidente) dichiarando al mondo intero il suo desiderio di lasciare Madrid. Un addio ‘concordato’, con in cambio un fortissimo sconto – dal miliardo della clausola appunto ai 100 milioni di euro – sul prezzo di uscita. "Se CR7 andrà via dal Real sarà eternamente grato al club, al presidente, allo staff medico e a tutti i madridisti del mondo. Se questo succederà, sarà per una nuova brillante tappa della sua carriera”, le parole rilasciate da Jorge Mendes nei giorni scorsi a Record. Parole importanti che sembrano proprio andare verso la direzione tanto voluta da Florentino Perez. La 'guerra' tra le parti – il club da un lato e  CR7 e il suo entourage appunto dall’altro – secondo Marca non riguarda il futuro del portoghese, se sarà o meno nel Real, ma solo nel modo in cui ci sarà l’addio. Perez spinge perché Ronaldo si esponga pubblicamente, Cristiano dal canto suo non vuole che la situazione vada per le lunghe ma non vuole nemmeno che sia il Real a decidere come se ne deve andare: Cristiano non vuole salutare tenendo un basso profilo e non è disposto a firmare una clausola che impedisca di raccontare la sua versione sui motivi che lo hanno spinto a lasciare il Real, quando in realtà il suo sogno era chiudere la carriera proprio a Madrid. A Jorge Mendes il compito di mediare per arrivare presto a una soluzione.

Juventus-Cristiano Ronaldo, accordo sull'ingaggio

La Juventus intanto attende, sullo sfondo ma non troppo. La società bianconera infatti aspetta che Jorge Mendes risolta la pratica con il Real e trovi l’accordo sulle modalità d’addio per poi accontentare le richieste di Florentino Perez (100 milioni, 120 tasse incluse). Con Cristiano Ronaldo invece l’accordo di massima è già stato raggiunto: 30 milioni netti all’anno per 4 anni, con il presidente Agnelli che – a queste condizioni – ha dato l’ok per l’operazione. Marotta e Paratici attendono solo un segnale positivo dalla Spagna per poi volare in direzione Madrid per entrare nella fase operativa dell’affare Ronaldo. Operazione che si farà, o almeno di questo sono convinti anche i bookmakers, in particolare la SNAI, che ha abbassato la quota del trasferimento del portoghese a Torino a 1.36. Una posta davvero irrisoria che sottolinea come ormai tutti gli indizi portino a pensare che manchi davvero poco per il colpo del secolo. Ad insidiare il club bianconero resta solo l'eventuale permanenza di Ronaldo al Real Madrid, quotata 2,75.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport