Calciomercato, Raiola: "Ibrahimovic al Milan? Presto per parlarne. Ma oggi c'è una società seria"

CalcioMercato

Il procuratore dello svedese ha parlato del caso che più appassiona in queste settimane i tifosi del Milan, che sognano un ritorno di Zlatan in rossonero: "Troppo presto per parlarne, ma ora la proprietà è seria e forte"

MILAN-CHIEVO, LA DIRETTA MINUTO PER MINUTO

LEONARDO: "IBRA DA NOI? C'È STATO PIU DI UN PENSIERO"

Negli ultimi giorni, ne ha parlato sia Rino Gattuso, sia Leonardo che ha rivelato come, nei mesi scorsi, "ci sia stato più di un pensierino". L’ipotesi di un ritorno di Zlatan Ibrahimovic al Milan, fa sognare i tifosi rossoneri che si riversano su Google a caccia di notizie. Intervistato da Raisport, l’agente dell’attaccante svedese Mino Raiola ha al momento frenato questa possibilità: "Ora non è una soluzione, è troppo presto per parlare di un ritorno di Ibrahimovic in Italia". Con l’arrivo del fondo Elliott a capo della società, però, i rapporti con il club sembrano essersi rasserenati. "Ora la proprietà è seria, capace e forte. Non ho mai avuto problemi col Milan, perché prima il Milan non esisteva". Ma qualora l’attaccante svedese dovesse tornare davvero al Milan, che ruolo avrebbe? Raiola non ha dubbi: “Zlatan non ha mai chiesto garanzie. Quelle arrivano con gli allenamenti”. Per questo dipenderà “in che ruolo il Milan o un'altra squadra lo vogliono mettere, chiaramente un giocatore attraversa varie fasi nella sua carriera e Zlatan non avrebbe problemi ad aiutare la squadra".

Il caso Pogba

C’è un altro assistito di Mino Raiola al centro nelle ultime settimane di rumors di mercato. Si tratta di Paul Pogba, al centro di un vero e proprio tira e molla con José Mourinho al Manchester United: “Preferisco non parlarne – ha aggiunto il procuratore -. Sta attraversando un momento delicato, ma non è sul mercato". E Marco Verratti, invece, dal Psg non si muoverà: "Ha sempre avuto momenti altalenanti, ma a Parigi sono contenti di lui e questa è l'unica cosa importante". Su Mario Balotelli, invece, nessun dubbio: "L'importante è che si rimetta in condizione, poi vedremo alla fine di questa stagione quale sarà il suo futuro".
 

I più letti