Suso: "Il Siviglia mi può riscattare dal Milan anche senza Champions"

Calciomercato
©Getty

Lo spagnolo classe 1993, in prestito al Siviglia dal Milan per 18 mesi, ha parlato del possibile riscatto da parte degli andalusi: "Diventa obbligatorio in caso di qualificazione in Champions, ma ci sono anche altre opzioni"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI

Suso è arrivato a Siviglia durante la sessione del mercato invernale con la formula del prestito con obbligo di riscatto. 18 mesi per tornare a giocare il suo miglior calcio dopo le difficoltà con il Milan. Un gol in sei partite di Liga, poi la pausa forzata a causa dell'emergenza coronavirus. Il suo futuro è quindi ancora tutto da scrivere, anche se a fare chiarezza sulle condizioni necessarie per il riscatto - che diventerebbe obbligatorio con la qualificazione alla Champions - ci ha pensato lo stesso classe 1993 a Radio Marca Sevilla: "Esistono anche altre opzioni - ha spiegato - ma sì, se dovessimo qualificarci alla Champions allora resterei qui sicuramente". E direbbe addio all'Italia dopo 5 anni fra Milan e Genoa. Il Siviglia, protagonista di una stagione positiva, è terzo in Liga. Se il campionato dovesse finire oggi, allora Suso resterebbe in Andalusia. Intanto, però, il calcio è fermo e c'è da pensare alla questione sanitaria: "Il virus ha colpito prima l'Italia e poi, dopo qualche settimana, anche in Spagna abbiamo dovuto vivere la stessa cosa". Pure lui, dunque, si trova in isolamento: "Questa situazione mi spaventa abbastanza. Mi piacerebbe che si riprendesse a giocare, ma è una situazione drammatica che non si è mai verificata e che ci obbliga a stare attenti".

"Con l'1% di rischio non sarebbe giusto giocare"

Tornare in campo o restare fermi? Anche in Spagna la discussione è molto accesa. L'AFE, l'assocalciatori spagnola, ha concordato con la Federazione di scendere in campo ogni 72 ore per poter terminare la stagione: "Non sono d'accordo - ha spiegato Suso -  più che di sport, parliamo di salute. Se c'è un rischio dell'1% , la cosa migliore è non riprendere a giocare. Ho un figlio di un anno e mezzo e mia moglie è incinta. Fra poco partorirà. Cosa succede se vado ad allenarmi e vengo contagiato? Se dovessi portare a casa il virus, non me lo perdonerei mai nella vita".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.