Giggs: "Nel 2003 potevo andare all'Inter, ero vicino a lasciare il Manchester United"

Calciomercato

Il retroscena del gallese: "Non sono mai stato a un passo dall'addio, ma nel 2003 potevo andare all'Inter: fu probabilmente la volta in cui sono stato più vicino a lasciare". 21 anni fa il gol all'Arsenal: "Una giocata isintiva, ho esultato come non mai"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Ryan Giggs è stato tra i migliori giocatori a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio, simbolo del Manchester United e protagonista dei successi dei Red Devils per ben 25 stagioni. Una sola maglia nella sua carriera, ma il gallese ha confessato di aver avuto la possibilità di trasferirsi all'Inter: "Non posso dire ci sia stata una squadra che sia andata vicina a prendermi, ma come calciatore vuoi sempre una sfida e c'erano possibilità diverse all'inizio di ogni stagione, sia che si trattasse di difendere il campionato riconquistandolo, sia di vincere un paio di campionati di fila e voler continuare a vincere la Champions League. C'è sempre stata una sfida. Nel 2003 andò via Beckham e si parlò di me in ottica Inter. Non avevo sentito nulla, non iniziai al massimo la stagione seguente ma la finii bene. David finì per andare via e fu probabilmente la volta in cui sono stato più vicino a lasciare. Ma non ho mai voluto andarmene. Ho sempre desiderato una nuova sfida ogni anno, facevo parte di una squadra per la quale amavo giocare", ha raccontato il gallese a Sky Sports.

L'eurogol all'Arsenal: "Istinto ed emozioni"

E uno dei gol più belli segnati da Giggs è stato quello contro l'Arsenal nella semifinale di FA Cup del 1999: palla recuperata nella propria metà campo, lunga azione personale, tutta la difesa dei Gunners superata di forza e gran sinistro sotto la traversa. Una prodezza che ha compiuto 21 anni: "Non ero in un gran momento, avevo sbagliato qualche palla ed è stata una giocata istintiva. Avevo deciso di provare un dribbling, poi mi trovai dentro l'area di rigore: c'era anche Scholes libero che mi urlava, ma non l'ho nemmeno visto e ho pensato solo a tirare in porta". Tra l'altro, lo stesso Scholes, fu ignorato anche in occasione dell'esultanza, con Giggs che si tolse la maglia agitandola sulla testa come un elicottero: "Ogni volta che vedo questo gol mi fermo quando la palla colpisce la rete, evito i momenti successivi. Non avevo mai esultato così e non l'ho mai più fatto, questo dimostra quanto erano grandi le emozioni che stavo vivendo in quel momento anche perché c'era grande rivalità con l'Arsenal".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.