Milan, Rangnick: "C’è stato un interessamento poi è arrivato il coronavirus"

Calciomercato
©Getty

Il dirigente del gruppo Red Bull, già accostato ai rossoneri, ha ammesso dei contatti col club: "C’è stato un interessamento, ma l’epidemia ha messo tutto in secondo piano. Il mio ruolo? Dipenderà dalle richieste, voglio essere influente nelle scelte"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

I contatti tra il Milan e Ralf Rangnick, raccontati negli scorsi mesi, trovano conferma direttamente dalle parole del diretto interessato. È stato infatti lo stesso dirigente tedesco, attuale capo della sezione calcistica del gruppo Red Bull, a confermare tutto. "C’è stato un interessamento da parte dei rossoneri, ma con lo scoppio dell’epidemia ci sono state cose più importanti a cui pensare rispetto alla possibilità di essere io l’uomo giusto per il club" ha detto Rangnick al quotidiano Mittledeutsche Zeitung. Il suo ruolo sarebbe ancora tutto da definire: "Dipenderà dalle richieste del Milan, io non sono particolarmente interessato agli aspetti finanziari. Ciò che conta è avere una certa influenza nelle scelte, che non ha nulla a che vedere col potere in sé, anche se a volte è necessario per portare avanti determinate idee".

Rangnick e Red Bull

Rangnick è nell'universo Red Bull da otto anni, dove ha ricoperto diverse cariche. È stato direttore sportivo del Lipsia e del Salisburgo; è stato anche allenatore del club tedesco per due stagioni, nel 2015 e nel 2018, per poi diventare il capo dell'area calcistica del gruppo Red Bull.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.