Dybala: "Felice alla Juve, ma per il rinnovo ancora nulla. Il Barça? A chi non piacerebbe"

Calciomercato

L'argentino parla del suo futuro alla CNN: "Alla Juve sto bene, ho ancora un anno e mezzo di contratto ma il rinnovo dipende dalla società. A chi non piacerebbe il Barcellona? È un grande club, con Messi ancor di più. Ma lo è anche la Juve, abbiamo tanta qualità da poter fare due squadre. L'anno scorso volevano cedermi, ma io non venivo da una buona stagione e volevo restare. Con Sarri sono migliorato e ora sono felice"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

I brutti momenti vissuti per il coronavirus sono ormai soltanto un ricordo, Paulo Dybala ora è concentrato sul campo per provare a chiudere la stagione nel migliore dei modi. Si parte subito con la Coppa Italia, poi via al rush finale in campionato e successivamente si proverà a inseguire ancora il sogno Champions. Slitta anche il mercato che, salvo sorprese, non dovrebbe avere l'argentino tra i protagonisti. Dybala è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante nella Juventus di Sarri e ora attende il rinnovo: "Per ora non c'è nulla – le sue parole alla CNN – Ho ancora un anno e mezzo di contratto, so che non è molto e che non è facile per la società con tutto quello che è successo con il coronavirus, ma anche altri calciatori hanno rinnovato. Ovviamente sono un giocatore di questo club e sono felice di essere qui. La gente mi ama molto e io amo molto la gente. Ho un buon rapporto con la società e con il presidente, sicuramente ne parleremo. Prima o poi potrebbe arrivare il rinnovo, ma dipende dalla Juve". Dybala viene spesso accostato ai grandi club europei, tra i quali il Barcellona: "È una grande squadre e con Messi lo è ancora di più. Sarebbe molto bello giocare lì, ma anche la Juve è un club incredibile, pieno di storia e ricco di campioni. C'è talmente tanta qualità qui che potremmo fare due squadre, poi ci sono giocatori come Buffon e Cristiano Ronaldo che rendono il club ancora più grande".

"La Juve voleva cedermi, ma io non volevo andare via"

Eppure lo scorso anno, Paulo Dybala è stato a un passo dall'addio: "Più o meno l'anno scorso, di questi tempi, la Juventus non voleva contare su di me, non voleva che continuassi a giocare qui. Sono stato contattato da alcuni club che si sono interessati a me. Tra questi c'erano il Manchester United e il Tottenham, poi è arrivato anche il Paris Saint-Germain. Non ho parlato direttamente con nessuno di loro, ma ci sono state conversazioni tra i club. Tuttavia, la mia intenzione al momento era di rimanere. Non avevo trascorso un anno positivo e non volevo andare via in quel modo, non sarebbe stato giusto. Così ho comunicato che la mia intenzione era quella di rimanere, lavorare per crescere e dare il massimo qui. Ovviamente non è stato facile perché le intenzioni della Juventus erano diverse, ma dopo la chiusura del mercato non c'era più tempo e con l'arrivo di Sarri sono cresciuto molto. La squadra ha iniziato a giocare a calcio molto meglio e questo mi ha fatto rimanere e fino a ora ho disputato una grande stagione".

"Razzismo? Chi di dovere dovrebbe agire, presto lo faranno i calciatori"

Tema razzismo. Negli ultimi giorni si protesta per la morte di George Floyd, ma anche nel calcio ci sono spesso episodi spiacevoli: "Chi di dovere dovrebbe agire, a breve lo faranno direttamente i calciatori. Spesso decidono di lasciare il campo e di non giocare, mi sembra una decisione perfetta. Se la società o la Federazione non decidono di fare nulla, è giusto agiscano direttamente i calciatori. O, come accaduto altre volte, che gli arbitri sospendano la partita. C'è l'episodio di Kean a Cagliari o altri vissuti con miei compagni di squadra, come Pjanic contro il Brescia. Poi in Italia è successo pure a Balotelli. A volte è difficile mettersi nei panni di qualcuno che soffre di razzismo, perché non lo senti. Ma sai cosa succede a un tuo compagno che viene giudicato solo per il colore della pelle, è molto brutto. A volte, però, le discriminazioni avvengono anche per altri motivi, ho visto ad esempio giocatori asiatici vittime di razzismo e sono cose molto tristi. Fortunatamente la mia famiglia mi ha educato in modo diverso e rispetto le persone per quello che sono, per il loro modo di pensare, di vestire, per il paese di provenienza e il colore della pelle. Penso che tutti dovrebbero crescere così, tutta la società dovrebbe essere unita contro il razzismo".  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.