Bologna-Juventus, Paratici: "Pjanic-Arthur, non è questione di date ma solo di accordi"

Calciomercato

Il capo dell’area sportiva della Juve ha spiegato la situazione della trattativa: "Ci sono contatti frequenti col Barça, ma ora stiamo affrontando partite importanti. Non è una questione di date, ma di accordi e convinzione dei giocatori"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Fabio Paratici ha ammesso la trattativa col Barcellona per lo scambio Pjanic-Arthur. Il capo dell’area sportiva della Juventus, intervistato da Sky Sport, ha fatto il punto della situazione: "I contatti con i blaugrana sono frequenti, al momento entrambe le squadre sono impegnate in partite importanti quindi abbiamo preferito bypassare questo periodo". Le ultime indiscrezioni vedevano l’intenzione dei club di chiudere l’operazione entro la fine del mese per questioni di bilancio: un aspetto che Paratici ha smentito. "Non è una questione di date, ma soltanto di accordi tra le parti e di convinzione di entrambi i giocatori". Sotto quest’ultimo punto di vista, ci sono stati importanti passi in avanti di recente, con il brasiliano che ha intrapreso i primi contatti con la Juve nell’ottica di un possibile trasferimento. La proposta dei bianconeri è di circa 5 milioni di euro a stagione di ingaggio, più del doppio di quanto Arthur percepisce adesso al Barcellona.

Dybala centravanti

leggi anche

Scambio Pjanic-Arthur, il blaugrana apre alla Juve

Il gioco offensivo della Juventus, prima di Bologna, non è parso troppo fluido. Al centro del dibattito ci sono le posizioni di Paulo Dybala e Cristiano Ronaldo. "Siamo in un periodo in cui è difficile essere brillanti, se le squadre si chiudono tutti fanno fatica a trovare il guizzo. L’obiettivo è arrivare in fondo in tutte le competizioni, siamo arrivati in finale di Coppa Italia e siamo ancora in corsa in campionato e Champions League. In tutte le analisi serve equilibrio e coerenza, queste avversità sono una novità per tutti. Dispiace non aver conquistato la coppa, se avessimo vinto ai rigori l’analisi sarebbe stata la stessa ma non può essere questo ciò che ci fa confondere" ha concluso Paratici.