Cagliari, Giulini: "Futuro Nainggolan dipende dall'Inter. Zenga? Decisione a breve"

Calciomercato

Il numero uno rossoblù, intervenuto a margine dell'assemblea di Lega, ha fatto chiarezza sul futuro di Nainggolan: "Radja tornerà a fine stagione all'Inter: se Conte vorrà tenerlo allora rimarrà lì, altrimenti ne parleremo". E su Zenga: "Siamo molto contenti del suo lavoro, tra due o tre giorni prenderemo una decisione finale"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Il campionato di Serie A volge ormai al termine, ma è già tempo di proiettarsi verso il futuro. I tempi ristretti tra la fine di questa stagione e l'inizio della prossima, non permetteranno infatti lunghi periodi di riflessione, neanche in ottica calciomercato. A tal proposito è intervenuto il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini, sulla situazione riguardante il futuro di Radja Nainggolan. Il centrocampista belga, arrivato in prestito secco dall'Inter e autore di 6 gol e 6 assist in 26 partite, tornerà a fine stagione in nerazzurro. Sul suo possibile ritorno a Cagliari anche nel prossimo campionato, Giulini, intervistato da Sky Sport, si è espresso così: "Prima di tutto ci vorrebbe la volontà da parte del calciatore di rimanere a Cagliari e su questo dobbiamo ancora parlare. A quel punto tutto sarebbe nelle mani dell'Inter: lui tornerà ad Appiano Gentile e se Conte deciderà di tenerlo, rimarrà lì. Altrimenti, come già accaduto l'anno scorso, riparleremo ancora di questa situazione, probabilmente a settembre". 

leggi anche

Non solo Zenga: il calciomercato degli allenatori

Non solo il futuro di Nainggolan occupa i pensieri del presidente Giulini, ma anche quello di Walter Zenga. L'allenatore, arrivato in panchina nello scorso mese di marzo, attende di capire se verrà confermato o meno anche per il prossimo campionato. A questo proposito, Giulini si riserva ancora pochi giorni prima di dare una risposta definitiva: "Prenderemo una decisione nei prossimi giorni. Siamo molto contenti del suo lavoro, perchè non era per nulla scontato ottenere subito la salvezza dopo la lunghissima pausa. Venivamo da 11 partite senza vittoria e, oltretutto, ci ha regalato anche il successo contro la Juventus. Nel giro di due o tre giorni decideremo insieme a lui cosa fare. Liverani possibile candidato alla panchina del Cagliari? Nelle ultime settimane abbiamo valutato alcune possibilità, a breve arriverà la decisione finale".

"Impraticabile la ripartenza il 12 settembre"

leggi anche

Serie A, il calendario del prossimo turno

Giulini è intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine dell'assemblea di Lega svoltasi a Milano. Uno dei temi principali è stato quello del possibile slittamento dal 12 al 19 settembre dell'inizio del prossimo campionato. Un'eventualità che Giulini accoglierebbe favorevolmente: "Trovo impraticabile la ripartenza il 12 settembre. Gli altri campionati europei sono già tutti finiti, mentre noi dobbiamo ancora concludere. E' necessario ricominciare almeno una settimana dopo, abbiamo la possibilità di recuperare il turno in una data molto gradevole per i tifosi come quella del 2-3 gennaio. Mi auguro che si aggiunga un turno infrasettimanale e si parta almeno il 19. Se fossimo costretti a cominciare il 12, mi auguro che i club non si presentino in campo perchè sarebbe folle, come trovo altrettanto sbagliato dover dare i giocatori alle nazionali a fine agosto per due turni di amichevoli. Almeno tre settimane di preparazione saranno necessarie, altrimenti a rimetterci saranno ancora una volta i club, che pagano i calciatori a differenza delle nazionali".

"I nostri giovani si stanno mettendo in luce"

approfondimento

Cuore sardo, gol da Cobra: chi è Luca Gagliano

Infine, il presidente del Cagliari è tornato sulla vittoria di mercoledì sera contro la Juventus. Un successo che ha regalato grande gioia a Giulini e che ha permesso al club di mettere in mostra alcuni talenti del settore giovanile: "La Juve è arrivata avendo già vinto lo scudetto, però per noi è sempre una grandissima soddisfazione battere chi da anni vince il campionato. I nostri giovani? La Primavera ha fatto una grandissima stagione e prima del lockdown eravamo a soli tre punti dall'Atalanta capolista. Sognavamo di diventare Campioni d'Italia, ma se non altro i giocatori più forti di quella squadra sono riusciti a mettersi in luce in questo finale di stagione. L'ultimo esempio è quello di Gagliano, che ha fatto gol e assist contro la Juventus. Siamo molto soddisfatti dei nostri ragazzi".

CALCIOMERCATO: SCELTI PER TE