Milan, Giroud carica i rossoneri: "Voglio vincere qualcosa, giocheremo per lo scudetto"

Calciomercato

L'attaccante francese fissa in alto gli obiettivi per la prossima stagione: "Non voglio mettere troppa pressione, ma giocheremo per il primo posto in classifica. Questo club mi ha fatto sognare, non vedo l'ora di giocare la prima partita e vincere qualcosa con il Milan. Ibra? E' un professionista eccezionale, un esempio per i giovani. Insieme ci divertiremo"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NEWS IN TEMPO REALE

Sarà il nuovo numero 9 del Milan, una maglia che negli ultimi anni ha fatto diverse "vittime", ma sicuramente una divisa prestigiosa quella che indosserà nella prossima stagione Olivier Giroud. L'attaccante francese, che ha firmato il suo nuovo contratto nella giornata di sabato, ha rilasciato le sue prime dichiarazioni ai microfoni di Milan Tv, fissando gli obiettivi per la prossima stagione: "Mi sento fortunato ad aver avuto l'opportunità di vincere dei trofei, di giocare in grandi club e penso che il Milan meriti di competere ad altissimi livelli, di lottare per lo Scudetto e di fare una grande Champions League e di giocare la Coppa Italia che piace molto ai tifosi. Ho parlato con Tomori qualche settimana fa e mi ha detto: 'ti aspettiamo per aiutarci a vincere lo Scudetto'. Non voglio mettere troppa pressione, ma ovviamente giocheremo per il primo posto in classifica".

"I miei idoli? Papin, Shevchenko e... Maldini"

approfondimento

Da Papin a Giroud: tutti i francesi del Milan

Idee chiare per Giroud, anche quando gli si chiede chi siano i suoi idoli della storia rossonera: "Mi sento ancora un ragazzino anche a quasi 35 anni compiuti; da piccolo i miei idoli erano Papin, Shevchenko e ovviamente Maldini. Il Milan mi ha fatto sognare. Molti grandi giocatori hanno giocato in un club così prestigioso in Europa: la squadra ha una grandissima tradizione europea ed è per questo che ho deciso di venire qui, per giocare la Champions League e spero che possiamo raggiungere grandi traguardi insieme. Sarò anche vicino alla mia famiglia che è di Grenoble, sono davvero carico e non vedo l'ora di giocare la prima partita".

"Ibra esempio per i giovani, ci divertiremo"

approfondimento

Giroud sfida il tabù della maglia numero 9

L'attaccante francese ha parlato anche di Zlatan Ibrahimovic, con il quale con tutta probabilità si dovrà contendere il ruolo di centravanti nel Milan: "Ho giocato contro ibrahimovic qualche volta: a 40 anni gioca ancora, è un professionista eccezionale. Non puoi giocare a quell'età a questi livelli, senza quell'impegno per la tua squadra, quella determinazione. Io cerco di fare lo stesso per poter continuare a giocare fino a che il mio corpo me lo permetterà. Spero di essere esempio per i giovani. Non vedo l'ora di giocare e di allenarci insieme. Spero che ci divertiremo".

"Voglio vincere qualcosa, mi piace il calcio di Pioli"

leggi anche

Milan, buona la prima: 6-0 alla Pro Sesto

Infine, Giroud ha parlato del suo primo approccio con Stefano Pioli e della sua voglia di regalare un trofeo ai tifosi del Milan: "Voglio vincere qualcosa con il Milan. Ho parlato con Pioli: è stato tutto molto semplice e naturale, ci siamo parlati in maniera franca; abbiamo parlato di calcio, di tattica e mi piace il suo modo di intendere calcio. Lo scorso anno ho seguito il Milan ed è stata una grande stagione grazie a mister Pioli: sono molto contento di allenarmi con lui e spero che continueremo su questi ritmi per ambire al primo posto in classifica".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche