Roma, Shomurodov si presenta: "Non vedo l'ora di giocare con Abraham"

Roma

Giornata di presentazione a Trigoria per Shomurodov e Vina. L'attaccante uzbeko non ha nascosto le sue ambizioni: "Non vedo l'ora di dimostrare quanto valgo e portare dei trofei alla Roma". Trofei che Vina ha già conquistato durante la sua carriera: "Il segreto è pensare una partita per volta"

ROMA-TRABZONSPOR LIVE

CALCIOMERCATO, TUTTE LE NEWS IN TEMPO REALE

Giornata di presentazioni a Trigoria, dove il direttore sportivo Tiago Pinto ha introdotto alla stampa i nuovi acquisti Eldor Shomurodov e Matias Vina. L'attaccante uzbeko non ha nascosto le sue ambizioni per questa sua nuova avventura in giallorosso e ha rilanciato l'ipotesi di una coppia d'attacco che possa far sognare i tifosi con Tammy Abraham: "Ogni anno mi sono dato l'obiettivo di migliorare sempre di più, non vedo l'ora di dimostrare quello che valgo e vincere qualcosa con la Roma. Io in coppia con Abraham? Per il mio ruolo devo dire che sia che giochi largo o al centro non ho preferenze, mi trovo bene in entrambi i ruoli. Devo dire che la cosa importante è che tutto quello che viene deciso sia per il bene della Roma. Se la cosa più importante per la squadra è giocare con Abraham non vedo l'ora di farlo, ma dobbiamo pensare al bene della Roma. Il punto di riferimento è questo, la fame di vittoria. Mi interessa dare una mano alla squadra, portare dei trofei". Shomurodov ha proseguito, spiegando come anche la presenza di Mourinho abbia inciso nello sposare il progetto Roma: "Quando è arrivata la notizia dell'interesse della Roma per me ho detto subito di sì, in primis per la Roma, per la piazza e per gli obiettivi, poi per Mourinho che è uno dei migliori allenatori al mondo".

Vina: "Il segreto per vincere è fare un passo alla volta"

vedi anche

Capello: "Che colpo Abraham, fa la differenza"

La parola passa a Matias Vina che, nonostante i 23 anni, ha già conquistato diversi trofei in carriera (tra cui la Copa Libertadores del 2020 con il Palmeiras). Una fame di successi che porterà anche in giallorosso: "Sono giovane ma ho già avuto la fortuna di vincere abbastanza. Il segreto è giocare una partita alla volta, senza porsi mete a lungo termine. Un passo alla volta. Rispetto al Sudamerica, giocare in Italia cambia molto sopratutto dal punto di vista tattico, non tanto sul piano fisico. Sono abituato al calcio aggressivo. Gioco con la nazionale dove il ritmo è diverso e l'aggressività è maggiore. Mi sto rapidamente abiutando ai dettami e le idee del mister e sto acquisendo l'intesa con i compagni. L'ambiente di Roma? Vengo dal sudamerica dove le tifoserie sono calde e si sentono forte sul terreno di gioco. Questo fa sì che il calciatore renda al di là delle proprie capacità. Ritrovare il pubblico è stato un effetto bellissimo che piace a ogni calciatore".

Tiago Pinto: "Profili con prospettiva e ambizione di vincere"

approfondimento

50 vittorie in Serie A, nessuno più veloce di Mou

Prima dei due giocatori è intervenuto anche Tiago Pinto, che si è detto orgoglioso dei due acquisti: "Sono due profili che sono in linea col progetto. Sono calciatori con prospettiva futura e ambizione di vincere. Credo che sia coerente con quanto detto prima. Vina è un calciatore che conosco bene da tanto tempo. Ha vinto 5 titoli. È anche importante dire che possa giocare con Spinazzola, non è giusto dire che sia il sostituto, non è giusto per lui. Eldor è arrivato in Italia la scorsa stagione e noi abbiamo capito che le sue caratteristiche potevano essere importanti per la squadra e l'allenatore. Sono stati un grande lavoro tra me e lo staff tecnico e lo scouting. Credo che queste sono le parole che mi piace dire in questo momento".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche