Barcellona, Laporta: "Non valutiamo il ritorno di Messi". E conferma l'arrivo di Kessié

Calciomercato

Il presidente sul mercato blaugrana: "Al momento non prendiamo in considerazione l'ipotesi di un ritorno di Messi, lui è il giocatore più forte della storia e mi è costato tanto lasciarlo andare via ma l'ho fatto per il bene del club. Da Haaland e Mbappé nessun segnale di voler giocare con noi, ma solo condizioni economiche che mai accetteremo". Poi conferma Christensen e Kessié: "Abbiamo già preso un difensore e un centrocampista per la prossima stagione"

Il ritorno di Xavi in panchina ha permesso al Barcellona di ritrovare gioco e continuità di risultati. Il club blaugrana punta ora all'estate, per rinforzare la squadra con qualche colpo di mercato. Ci sarà anche il ritorno di Lionel Messi? Joan Laporta frena: "Il Barcellona è casa di Leo, vorrei che fosse presente anche all'apertura del nuovo Camp Nou – le parole del presidente blaugrana a RAC1 – Il nostro rapporto è meno fluido, ora lui è a Parigi e avrei voluto che le cose andassero diversamente, non è stato facile per me ma non potevo mettere a rischio il club. Penso che abbiamo fatto quello che dovevamo fare, mi sentivo peggio sotto l'aspetto personale che sportivo. Per ora non ho ricevuto alcun messaggio da Leo o dal suo entourage per un eventuale ritorno, ipotesi che al momento non stiamo valutando. Stiamo costruendo una squadra giovane, che sta ricominciando a funzionare. Messi è Messi, è il miglior giocatore della storia, però non pensiamo a un suo ritorno. Non vorremmo fare un passo indietro".  

"Abbiamo già chiuso per un difensore e un centrocampista"

approfondimento

Il futuro di Kessié è al Barça: contratto firmato

Sì, invece, all'arrivo di Franck Kessié: "Abbiamo già chiuso due acquisti, potrebbe trattarsi di un difensore (Andreas Christensen, ndr) e un centrocampista. Raphinha, invece, è un grande giocatore. Il suo agente Deco ha il suo lavoro e ci informa sui dettagli per non sbagliare, in alcuni casi ci ha aiutato molto. I grandi acquisti sono quelli che realizzi al prezzo più basso possibile, giocatori di talento che s'inseriscono in squadra. Generiamo già giocatori che hanno risonanza a livello mondiale".

"Haaland e Mbappé? Condizioni economiche che mai accetteremo"

leggi anche

Laporta: "Mbappé? Non perderemo la testa"

I nomi che si fanno in ottica Barcellona sono tanti, a partire da Haaland e Mbappé: "Prenderemo chi ha chiaro che vuole giocare con noi, chi ha voglia di venire qua. Al momento nessuno dei due me l'ha trasmesso. Mi hanno portato solo condizioni economiche che in nessun caso accetteremo. Salah e Lewandowski? Sono due grandi giocatori, tutti i calciatori forti vogliono venire al Barcellona. Non voglio dire più nulla, non voglio rendere le cose ancor più difficili. Anche Joao Felix mi piace molto, il suo agente lo sa. È un grande giocatore, lo amo. C'è stata l'occasione per prenderlo in uno scambio con Griezmann, ci abbiamo provato ma l'Atletico Madrid non vuole separarsi da lui".  

"Rinnovi Gavi e Araujo? Importanti per noi, troveremo l'accordo"

vedi anche

Dominio Barça a Madrid: il Clasico finisce 0-4

Sui rinnovi, infine: "Quelli di Gavi e Araujo procedono bene. Per noi sono molto importanti, raggiungeremo un accordo. Dembelè? La stessa cosa è successa a Sergi Roberto, gli abbiamo fatto un'offerta e lui non l'ha accettata. Ci piace come giocatore e gli vogliamo bene. Se raggiungeremo un accordo, sarà entro i limiti salariali che abbiamo stabilito. Lo dico con rispetto perché il suo agente è pieno di sorprese, ci ha fatto girare un po' la testa", conclude Laporta.