Juventus, Nedved: "Dybala via a zero? Sue richieste altissime, non ce la siamo sentita"

JUVENTUS
©LaPresse

Il vicepresidente bianconero sul mancato rinnovo di Dybala: "Lo abbiamo valutato su tutti gli aspetti, sia dentro che fuori dal campo. Le sue richieste erano altissime, ma era giusto così perché è un giocatore forte. Noi però non ce la siamo sentita: per questo le strade si sono divise". E su Chiellini: "Un'icona mondiale. Deciderà lui cosa fare: a noi basta che sia felice"

JUVE-LAZIO LIVE

A margine della finale di Coppa Italia contro l'Inter, il vicepresidente della Juventus, Pavel Nedved, è tornato a parlare del perché il club bianconero non sia riuscito a trovare un accordo per il rinnovo di Paulo Dybala, che a fine giugno si svincolerà: "Non è facile dire cosa non sia andato bene per il suo rinnovo. Noi l'abbiamo valutato su tutti gli aspetti, sia dentro che fuori dal campo. Le sue richieste erano altissime ed era giusto che fosse così perché è un giocatore forte. Noi non ce la sentivamo e quindi le strade si sono divise".

"Chiellini icona mondiale. Il suo futuro? A noi basta sia felice"

leggi anche

Arrivabene: "In estate nessun colpo di teatro"

Un'altra questione che tiene banco in casa Juventus, fuori dal campo, è quella relativa a Giorgio Chiellini, che sembra sempre più destinato a lasciare il club bianconero anche se ancora non ha comunicato una sua decisione ufficiale. Queste le parole di Nedved sul difensore della Juve: "Chiellini è un'icona mondiale. Sceglierà lui cosa vorrà fare. Basta che sia felice: Giorgio merita tutto il bene del mondo. Siamo aperti a tutto". 

"Vlahovic può darsi sia stanco, ma siamo molto contenti di lui"

leggi anche

Rigori in Serie A: il bilancio squadra per squadra

Infine, Nedved ha voluto spendere belle parole anche per Vlahovic, nonostante il momento di leggera flessione in quest'ultima parte di stagione: "Dusan è partito molto bene ed erano tutti entusiasti. Poi, non c'è solo il peso della maglia ma anche naturale stanchezza. A Firenze aveva fatto già tanto, quindi ci sta che sia stanco fisicamente. Ma per come si allena è giusto che sia sempre in campo: è un ragazzo con molta volontà e noi siamo molto contenti di lui".