Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
08 gennaio 2019

Calciomercato Chelsea: Sarri in ombra, è Marina Granovskaia a decidere tutto

print-icon

Primi problemi per Sarri legati alla gestione del mercato e al rapporto con Marina Granovskaia, amministratore delegato dei Blues e braccio destro di Abramovich. Più in generale, lo specchio del fatto che in Premier il classico manager all'inglese non esiste quasi più

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI LIVE

BARELLA, NAPOLI IN POLE. CHELSEA NON CONVINTO

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Vigilia della sfida di Carabao Cup Tottenham-Chelsea, Maurizio Sarri parlando di mercato ripete il solito concetto: "Dipende dal club, conoscono la mia opinione ma non dipende da me". Quando parla di board si riferisce a lei: Marina Granovskaia. Ufficialmente amministratore delegato del Chelsea, in pratica il braccio destro di Abramovich da circa vent'anni. Gestisce tutto, dai trasferimenti ai rinnovi, e problemi sulla gestione del mercato li aveva già avuti con Conte. Perchè ormai i grandi club inglesi sono delle multinazionali, gli allenatori da quelle parti li chiamano ancora manager, ma il vero manager alla Ferguson, o alla Wenger, non esiste più.

Le mosse di mercato

L'unico che può ancora essere definito un manager all'inglese è Klopp, non Emery all'Arsenal o Pochettino al Tottenham. Nel Manchester City, a fare il mercato per Guardiola, ci sono Begiristain e Soriano. Amici di Pep e quindi tutto fila liscio. Marina invece si sta dimostrando non proprio un'alleata di Sarri. Che perde Fabregas perchè il Monaco gli ha offerto 3 anni di contratto, mentre il Chelsea agli over 30 rinnova solo per una stagione. E lo stesso Maurizio gli ha consigliato di andare, vista la situazione. Dell'acquisto di Pulisic Sarri non sapeva niente: gli avevano chiesto un'opinione sul giocatore, poi un mese dopo ha scoperto che lo avevano preso per giugno.

I problemi in attacco

Giroud segna solo in Europa League, Morata non gira e il Chelsea ha un evidente problema in attacco. Se Hazard non fa il fenomeno, sono guai. Maurizio è riuscito a inventarsi Kantè mezzala, ha trovato i gol dei centrocampisti, ma così vincere diventa dura. Come avere a che fare con un club che, a quanto pare, ti dice: tu allena, il resto lascialo fare a me.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI