Vuelta 2020 accorciata a 18 tappe e partenza dai Paesi Baschi per emergenza coronavirus

Ciclismo

Cancellata a causa dell'emergenza coronavirus la partenza della Vuelta 2020 dall'Olanda: si comincerà dai Paesi Baschi, in una data ancora da definire e con una corsa accorciata da 21 a 18 tappe

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Poche ore dopo l'annuncio che la Vuelta 2020 non partirà come era previsto dall'Olanda, gli organizzatori hanno reso noto che in accordo con l'Uci la partenza della 75/a edizione - prevista dal 14 agosto al 6 settembre -, è stata posticipata a una data ancora da definire da parte dell'Unione ciclistica e che si svolgerà in 20 giorni e in 18 tappe, con partenza dai Paesi Baschi. Gli organizzatori hanno hanno deciso di non sostituire le tre prime tappe e di trasformare la quarta, la Irun-Arrate Eibar, in quella inaugurale. La 75a edizione di La Vuelta sarà una storica sotto molti aspetti: per la prima volta negli ultimi 35 anni avrà meno di 21 tappe e la prima dal 1979 a partire dai Paesi Baschi. "Speriamo che questa crisi sanitaria senza precedenti si risolva presto, che tutti possiamo tornare alla normalità, compresa La Vuelta - afferma il direttore della Vuelta, Javier Guillen - che nel 2021 tornerà nel suo formato tradizionale e nella durata di 21 tappe e due giorni di riposo".

CICLISMO: SCELTI PER TE