Simon Yates positivo al Covid-19: lascia il Giro d'Italia

Ciclismo

Giro d'Italia finito per il vincitore della Tirreno-Adriatico. Il 28enne britannico della Mitchelton-Scott è risultato positivo al coronavirus dopo la fine della settima tappa di venerdì. Il direttore della corsa rosa, Vegni: "La bolla ha retto". Il medico del team: "Sorpresi da questa positività". Negativi gli altri compagni

CORONAVIRUS: DATI E NEWS IN DIRETTA - GIRO, 8 POSITIVI AL COVID: NEWS

Il ciclista britannico Simon Yates è risultato positivo al Covid-19 e si è ritirato dal Giro d’Italia. L’annuncio è arrivato in mattinata  da Giovinazzo quando, la sua squadra (Mitchelton-Scott) ha comunicato la notizia. “Yates ha sviluppato sintomi molto lievi nelle ore seguenti alla fine della settima tappa conclusa a Brindisi venerdì. Lo staff-medico – si legge in una nota – lo ha sottoposto immediatamente a test rapido a cui è risultato positivo”. Positività confermata poi da un secondo test. Il corridore è stato isolato in una stanza singola ed è stato “accompagnato da una ambulanza organizzata per un periodo di quarantena. I suoi sintomi - scrive la Mitchelton-Scott - restano molto lievi”. Il 28enne vincitore della Tirreno Adriatico poche settimane fa, era arrivato tra i grandi favoriti della corsa ma si era staccato sull’Etna ed era in ritardo nella generale (3’52’’ dalla maglia rosa Almeida). Negativi gli altri compagni di squadra.

 

Vegni: "La bolla ha retto". Il medico del team: "Sorpresi da questa positività"

 

"La bolla ha retto, è il primo caso dopo 10 giorni. I test rapidi hanno una loro valenza, perché ci hanno permesso di fermare Simon Yates in maniera veloce: se avessimo dovuto utilizzare il protocollo dell'Uci, questa mattina avremmo dovuto inviare a Milano i suoi test e aspettare una risposta. Il corridore, dunque, sarebbe potuto partire. Con il nostro test veloce, invece, siamo riusciti a bloccare la situazione e a salvare la 'bolla'. Così Mauro Vegni, direttore di corsa del Giro d'Italia, parlando al Processo alla tappa, in onda sulla Rai. Ulteriori chiarimenti arrivano anche dal medico della Mitchelton-Scott, Matteo Beltemacchi. "Simon aveva sintomi leggeri - spiega Beltemacchi - il tampone glielo abbiamo fatto per precauzione; la sua temperatura era di 37,3-37,4, ma adesso è sfebbrato. È stato trasportato in ambulanza ed è in quarantena. Il nostro è stato un eccesso di scrupolo. La squadra è stata controllata. Nel giorno di riposo faremo ulteriori test. I protocolli del nostro team sono molto serrati, siamo sorpresi da questa positività". 

Il Giro va avanti

leggi anche

Demare cala il tris a Brindisi. Almeida in rosa

Il Giro d'Italia andrà regolarmente avanti in questo fine settimana che prevede, tra l'altro, il 'tappone' appenninico di domenica. Lo fanno sapere fonti dell'organizzazione dopo la positività di Simon Yates, secondo quanto riporta l'ANSA. Tra domenica pomeriggio e la mattina di lunedì 12 (giorno di riposo) verranno effettuati i tamponi ai ciclisti e allo staff di tutte le squadre. Erano già in programma, quindi non sono stati determinati dalla positività al Covid-19 di Yates, e serviranno ad avere un quadro completo della situazione. Al Giro non viene applicata la regola che c'era invece al Tour secondo cui in caso di due positivi per squadra, l'intera formazione veniva mandata a casa.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche