Formula 1, a Monza il venerdì è della Mercedes. E la Ferrari...

Formula 1

Carlo Vanzini

vettel_hamilton_getty

Bottas, chiamato dal suo team al ruolo di seconda guida, impressiona con la miglior prestazione, ma sono in tre, Hamilton 2° e Vettel 3°, ad essere racchiusi in appena 140 millesimi. Ecco che sabato e che gara dobbiamo attenderci

CLICCA QUI PER RIVIVERE LE LIBERE - I TEMPI

GP MONZA, LA GUIDA TV

"Ci sono ancora 200 punti da conquistare da qui alla fine del mondiale e Lewis non è così lontano, se avrò occasione cercherò di giocarmela ancora", così Bottas ha parlato prima di scendere in pista, in risposta alla voce certa della scelta Mercedes di metterlo a disposizione di Hamilton per il proseguo del campionato, visto il -34 rimediato dopo SPA.

Bottas aveva la faccia di uno che voleva uscire in fretta da una domanda scomoda e se l'è giocata bene aggiungendo anche "seguirò le scelte della squadra", ma in macchina ha forse voluto ribadire il concetto di non sentirsi tagliato fuori.

Sa che per farlo deve stare davanti a Lewis in qualifica e magari avere, tra se e lui, una Ferrari. Per ora, al termine della prima giornata, è riuscito nella prima parte, anche se la sensazione netta è che Hamilton, dopo il tempone della mattinata, abbia giocato un po' a nascondino nel pomeriggio. La seconda parte dipende da Ferrari che forse firmerebbe per stare con Vettel dietro a Bottas, ma davanti al suo primo inseguitore in campionato. Sembra tutto aperto e il pilota tedesco è lì in agguato con il suo terzo tempo. Attaccati, vicini, vicinissimi. Tutto dipenderà da quanta potenza in più riuscirà a mettere Mercedes in qualifica e in gara e da quanto Ferrari riuscirà a fare quel suo classico balzo in avanti tra venerdì e sabato. La forza Mercedes sta in un assetto più carico, ma non a discapito della velocità, quella Ferrari nel fatto che ci sono ancora ampi margini.

Vettel è andato forte anche nella simulazione passo gara, lasciandosi scappare un 1.24.5, un super tempo considerando l'utilizzo della gomma soft e vedremo se azzarderà un superamento del taglio Q2/Q3 con quella gomma per una strategia diversa. Difficile stabilire una gerarchia dopo questo venerdì, fermo restando Mercedes favorita e Ferrari chiamata a dover tentare il colpaccio su una pista che fino a poco tempo fa era più chiaramente a favore di Mercedes. Monza resta sempre a favore delle frecce d'argento, ma è evidente che le rosse possono essere più competitive ovunque con il nuovo motto del team principal Maurizio Arrivabene: "la pista non c'è favorevole, per questo saremo umili, ma non arrendevoli".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche