Formula1, GP Giappone: l'analisi tecnica delle qualifiche. Ecco cosa può succedere in gara a Suzuka

Formula 1

Cristiano Sponton

SUT_Japanese_Grand_1539385

Le qualifiche del GP del Giappone ci hanno regalato la pole position numero 71 di Hamilton, praticamente imbattibile oggi. Tra le penalizzazioni di Raikkonen e Bottas e gli sviluppi aerodinamici dei top team, analizziamo il passo gara e le strategie per domenica. Le qualifiche non hanno detto tutto...

CLICCA QUI PER RIVIVERE LE QUALIFICHE
GRIGLIA DI PARTENZA
TEMPI E DISTACCHI - CLASSIFICHE

Bottas e Raikkonen, nella giornata di domani, scatteranno in griglia rispettivamente dalla settima e undicesima posizione a causa della sostituzione del cambio. La notizia su Bottas era stata ufficializzata già nella giornata di ieri, mentre Raikkonen, sbattendo duramente durante le Prove Libere 3, ha rovinato la trasmissione che doveva essere utilizzata in gara. Ottimo il lavoro fatto dagli uomini di Maranello al box per far tornare in pista la  SF70H.

Ferrari con setup aerodinamico differenziato in FP3

Nella giornata di ieri la monoposto italiana utilizzata da Vettel e Raikkonen aveva utilizzato un setup aerodinamico da medio carico con ala posteriore a cucchiaio e doppio monkey seat.
Nella giornata odierna, invece, durante le FP3, è stato provato un setup differenziato, come potete osservare dalle foto confronto in basso. Vettel ha mantenuto l’ala a cucchiaio mentre Raikkonen ha utilizzato quella con il bordo d’ingresso del profilo principale completamente rettilinea.

Diversa anche la configurazione del monkey seat: per il pilota  tedesco è stato utilizzato in singolo profilo a due elementi “ancorato” alla struttura deformabile posteriore mentre, Raikkonen, doppio monkey seat con quello più arretrato dotato di 3 profili.

Dopo aver analizzato i dati, entrambi i piloti, per la qualifica, sono tornati ad utilizzare l’ala posteriore a cucchiaio con singolo monkey seat a 3 elementi.

Ecco cosa ci ha detto il Q3

Prima di analizzare in dettaglio il Q3 è giusto segnalare che Bottas e Raikkonen, vista la penalizzazione, hanno utilizzato in Q2 pneumatici diversi rispetto a tutti gli altri. Questi due piloti si sono qualificati utilizzano le gomme soft. Quindi, domani, scatteranno alla partenza con le gomme “gialle” mentre, tutti gli altri nella top 10, utilizzeranno le Super Soft.
La Mercedes, a differenza di quello che si era visto negli ultimi due appuntamenti, è tornata a dominare in qualifica. Su una pista in cui è molto importante la potenza della Power Unit, la W08, è tornata ad essere la vettura da battere. La differenza non sta solo nel motore dato che Hamilton è stato nettamente più veloce di tutti anche nel primo settore, caratterizzato da una serie di curve da media velocità dove la componente aerodinamica e meccanica è fondamentale.

Se analizziamo i best sector possiamo notare che, Hamilton, nonostante il gran tempo realizzato era quello che poteva migliorare ulteriormente il proprio limite a dimostrazione d quanto la W08 fosse competitiva quest’oggi.

Chi ha il miglior passo gara?

Nella giornata di ieri, causa pioggia, non abbiamo potuto analizzare con molta precisione il passo gara di ciascun pilota. Durante le FP3 i team, prima di effettuare le simulazioni di gara, si sono concentrati nello studiare il comportamento delle vetture con molta benzina a bordo.

La Ferrari, per cercare di recuperare il tempo perso ieri, ha differenziato il lavoro tra i due piloti: Raikkonen con gomme “rosse” ha simulato la prima parte di gara mentre Vettel, con gomme “gialle” si è concentrato sulla seconda parte. Se analizziamo il grafico in basso possiamo notare che Raikkonen è riuscito a tenere un ritmo leggermente superiore rispetto a quello di ieri di Hamilton ma, i suoi pneumatici avevano coperto più giri rispetto a quelli del pilota inglese. Anche il ritmo di Vettel è stato piuttosto positivo, in quanto, è riuscito a girare costantemente sotto il muro del 34.

Nulla è deciso per domani

Il passo gara ci fa capire che la corsa di domani non sarà così scontata come lo sono state le qualifiche di oggi. La Ferrari sembra avere il ritmo per mettere pressione alla Mercedes ma, come spesso succede, la partenza sarà fondamentale perché, Vettel, dovrà fare il possibile per impensierire Hamilton prestando molta attenzione a non farsi scavalcare dalle Red Bull.

Attenzione ai set di gomme disponibili per la gara

Sebastian Vettel, almeno teoricamente, potrebbe riuscire a mettere pressione ad Hamilton più nella giornata di domani rispetto a quanto fatto oggi. Ma come spesso abbiamo sottolineato, il non partire dalla Pole Position comporta degli effetti negativi nella gestione della gara, ancor più importanti in un circuito come quello di Suzuka dove il sorpasso è molto complicato e dove è molto penalizzante stare nella scia "sporca" di un avversario.
Sarà quindi fondamentale per il pilota tedesco non farsi passare da una o da entrambe le RedBull in fase di partenza ed anzi, cercare il sorpasso nei confronti di Lewis Hamilton. Ancora più importante tutto ciò se si opterà per la strategia a singola sosta SuperSoft - Soft (attenzione a Bottas che partirà sul compound Soft e potrebbe risalire posizioni in modo importante entro la fine della gara), non ancora certa soprattutto con temperature dell'asfalto che tenderanno ad essere più elevate rispetto ai 29°C della giornata odierna.
Chiudiamo dicendo che dal punto di vista delle strategie, se i vari piloti riusciranno ad arrivare intorno al ventesimo giro con il set iniziale di SuperSoft allora sarà fattibile portare a termine la gara con il secondo stint su Soft.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche