Formula 1, Sato e le sue interviste sul podio: le domande scritte sulla mano

Formula 1

L'ex pilota di Formula 1, oggi nel team Andretti nella IndyCar Series, ha intervistato Hamilton, Verstappen e Ricciardo sul podio di Suzuka. Curioso vedere sulle sue mani una serie di fasi scritte a penna, probabile promemoria per non dimenticare cosa chiedere e dire durante la premiazione  

LA CRONACA DELLA GARA

TEMPI E DISTACCHI - CLASSIFICHE

Il Gran Premio del Giappone 2017 ce lo ricorderemo per svariati motivi. La candela che ha mollato la Ferrari di Vettel dopo appena 5 giri; la vittoria di Hamilton che sa parecchio di titololo Mondiale messo in tasca; le "rimonte invisibili" di Raikkonen e Alonso e poi anche per Takuma Sato.

Sato chi? Sì, Sato, il pilota giapponese, arcinoto nel Motorsport, ex driver in F1 (Jordan e Bar) e oggi nel team team Andretti Autosport nella IndyCar Series. E' toccato a lui fare gli onori di casa sul podio di Suzuka per intervistare il vincitore, Hamilton appunto, ed i piloti Red Bull, Max Verstappen e Daniel Ricciardo, rispettivemante secondo e terzo al traguardo.

Sato mostra una certa disinvoltura sul podio, ma poi le telecamere non possono non intercettare qualcosa sulla sua mano sinistra. Si tratta chiaramente di scritte, verosimilmente appunti e domande. Nulla di scabroso o fuori dal mondo, sia chiaro. Sarà capitato a molti di fare la stessa cosa, a scuola oppure per un appuntamento importante. Ma resta comunque un fatto curioso al termine di un GP per molti versi "curiosi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche