Formula 1, GP Giappone. Ferrari: si è spenta la candela. Ora serve una reazione

Formula 1

Carlo Vanzini

Gara da dimenticare per Vettel e la Ferrari, ko sin dal via per un problema ad una candela. Ora è durissima contro Hamilton, ma bisogna provare a vincerle tutte comunque per non lasciare nulla di intentato, ma soprattutto per capire i punti deboli in funzione 2018

RIVIVI LA CRONACA DELLA GARA

TEMPI E DISTACCHI - CLASSIFICHE

Tutto ruota intorno a una candela, valore di mercato in formula 1 quantificabile in circa duemila euro. Sembra un'enormità, nulla invece in confronto a tutti gli elementi ben più costosi, in termini di milioni di euro, che fanno girare le monoposto di F1.

Fortuna o sfortuna non esistono sono figlie del lavoro e dell'azione dell'uomo, ma esistono nella tempistica e nei momenti. Mercedes ha avuto lo stesso problema, ma si è manifestato nella fase di verifica motore in mattinata e hanno potuto cambiare la candela, mentre Ferrari ha avuto l'allarme solo quando la macchina ha lasciato il box per andare in griglia e, a quel punto, non c'era fisicamente più il tempo per aprire tutto, affogata come è la candela nella power unit, sostituirla e richiudere. Sarebbe stato ritiro prima del via. Sembrava un allarme rientrato e invece come una candela si è spento nel primo giro il sogno mondiale di Vettel e della Ferrari.

L'aritmetica ancora non condanna definitivamente, ma la rimonta sarebbe clamorosa. Salvo problemi tecnici degli avversari il pensiero va alla prossima stagione. Vincerle tutte comunque per provarci e non lasciare nulla di intentato, ma soprattutto per capire i punti deboli, migliorare il controllo qualità delle componenti ed evitare di portare a casa solo 22 punti su 129 disponibili in tre gare, quando disponi, mediamente, della migliore macchina... Tutto per aprire, con forza, dal 2018 una nuova era Ferrari! Mercedes e a questo punto Red Bull, permettendo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche