Formula 1: festa Mercedes, ma in Ferrari non sono lontani

Formula 1

Carlo Vanzini

Dopo il titolo costruttori, a Lewis Hamilton serve un quinto posto nelle restanti tre gare per vincere la classifica piloti. In Ferrari speravano di lottare fino alla fine, ma si continuerà  a lavorare per ridurre il gap dalla Mercedes

TEMPI  E CLASSIFICHE DOPO IL GP USA

Tuoni e fulmini per sintetizzare il weekend e, se vogliamo, la stagione di Vettel e Hamilton e di Ferrari e Mercedes. I tuoni sono quelli che spaventano con il botto, ma sono i fulmini ad essere più pericolosi, loro possono colpire e fare male.

Vettel ha tuonato ben tre volte: in qualifica, prendendo una stupenda prima fila, in partenza quando ha bruciato Lewis e nella rimonta con sorpasso su Bottas per chiudere secondo. Ha spaventato Lewis, ma è stato fulminato dall’inglese al sabato: pole tutta sua, guardate dove e a quanto è finito Bottas che, fino a prova contraria, guida la stessa Mercedes. In curva 12 quando Vettel, per sua stessa ammissione, poteva fare di più per rallentare un Lewis comunque inarrestabile e nel ritmo. Fulminate da analizzare, per non tuonare e basta nel 2018 e nelle ultime tre gare di questo 2017.

La Mercedes ha vinto il quarto titolo di fila, pur sempre due in meno della Rossa targata Todt-Schumacher, ma la Ferrari sa di non essere lontana. Hamilton può arrivare quinto in una delle restanti tre gare per infilare anche lui il quarto titolo come Prost e Vettel. Obbligatorio sfruttare il finale di stagione per eliminare le debolezze e cercare un salto avanti simile a quello fatto l’inverno scorso, più difficile certo, perché non ci saranno sostanziali cambiamenti regolamentari, ma possibile eliminando già di base le cause che hanno portato alla sconfitta.

È una sconfitta che brucia perché poteva esserci lotta fino alla fine, pensando ai primi due terzi della stagione, inaccettabile e devastante analizzando da Monza in poi con la media punti crollata da 18 a 13 e con una Red Bull che inizia a preoccupare, proponendosi come avversario in più. Testa bassa e lavorare è la ricetta che ha portato Ferrari a essere indiscutibilmente la sorpresa positiva della stagione e deve essere il motto che deve portarla a far sì che quella testa da bassa diventi alta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche