Formula 1: poker Mercedes, quarto titolo costruttori consecutivo

Formula 1

Mara Sangiorgio

In Mercedes si brinda per il titolo costruttori, in attesa di festeggiare anche quello piloti. A Hamilton basterebbe un quinto posto per far suo il mondiale. La Ferrari si consola con il doppio podio di Austin

TEMPI  E CLASSIFICHE DOPO IL GP USA

Il primo titolo è stato assegnato. Per la quarta volta consecutiva la Mercedes festeggia da campione del mondo. Una vittoria, quella del 2017, più sofferta e proprio per questo più meritata. Se si pensa alle tre gare di anticipo sulla fine della stagione e ai punti che Hamilton e Bottas insieme hanno fatto per permettere che ciò accadesse. L’aritmetica non ha ancora premiato del tutto Lewis Hamilton ma il quarto titolo è lì, non in cielo ma a un passo. Con la vittoria a Austin infatti il pilota Mercedes ha messo tra lui e Vettel 66 punti. Anche se il ferrarista vincesse tutte le ultime tre gare a Hamilton basterebbe un quinto posto e il mondiale sarebbe suo.

La consapevolezza che i giochi sono oramai fatti è anche nelle parole di Sebastian Vettel a fine gara. Nonostante una super partenza e un sorpasso capolavoro a cinque giri dalla fine su Bottas, il tedesco per due terzi della gara non ha avuto il ritmo necessario per credere davvero nella vittoria. La superiorità di Hamilton è stata infatti disarmante. Sul podio però a Austin i ferraristi sono due, grazie alla penalizzazione di Verstappen per il sorpasso a Raikkonen nel finale per il taglio della curva. Ma non basta, Perché dietro quei sorrisi ci sono già i pensieri e i fantasmi degli errori e delle occasioni perse. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche