F1, GP di Francia 2018: la gara vista dalla pista. Vettel, errore decisivo. Ma che favolosa rimonta

Formula 1

Mara Sangiorgio

vettel_bottas_sutton

Il tedesco ha ammesso le sue colpe per il contatto al via con Bottas sul tracciato del Paul Ricard. Un errore che ne ha compromesso la gara nonostante la favolosa rimonta.  La Ferrari passa l’esame delle gomme di nuovo ribassate, ed è proprio per questo che all’interno del team c’è ancora più rammarico

L'ORDINE D'ARRIVO

CLASSIFICA PILOTI E COSTRUTTORI

CLICCA QUI PER RIVIVERE IL GP

Un errore. Suo e di nessun'altro. Non cerca scuse Sebastian Vettel per descrivere quanto successo in partenza in Francia. Il tedesco è riuscito a sfruttare molto bene il maggior grip delle gomme ultrasoft ma poi si è trovato chiuso tra le due frecce d’argento e non è riuscito a evitare il contatto con Valtteri Bottas a causa di un bloccaggio in staccata. Un errore che ha compromesso del tutto la sua gara e quella del finlandese e che al ferrarista è costato anche una penalità di cinque secondi. La rimonta rabbiosa – aiutata anche da un grande passo della sua rossa – lo ha portato a recuperare fino a raggiungere il quinto posto. Ma intanto là davanti Lewis Hamilton passeggiava senza avversari in prima posizione facendo il suo ritmo e conquistando la vittoria senza strafare. Dopo aver infilato un giro veloce dopo l’altro con le gomme supersoft, sul finire della gara si è limitato a controllare Max Verstappen che infatti è arrivato alle sue spalle con un ritardo di sette secondi. Sul podio insieme a Lewis e Max è salito Kimi Raikkonen, che con macchina più leggera dopo il pit stop ha trovato il giusto ritmo per recuperare anche la posizione su Daniel Ricciardo che aveva problemi con la sua ala anteriore. La Ferrari all’esame delle gomme di nuovo ribassate ha passato l’esame, ed è proprio per questo che all’interno del team c’è ancora più rammarico. Vettel in classifica torna a meno 14 da Hamilton e perde il primo confronto di una serie di gare – altre quattro in cinque settimane – che daranno un volto più preciso al Mondiale. 

I più letti