Formula 1, Albon alla Toro Rosso: "L'ho saputo mentre facevo shopping"

Formula 1

Il giovane britannico-thailandese corerà da titolare con la Toro Rosso nel Mondiale 2019. In un'intervista racconta il momento della chiamata e poi dice: "Ci sono stati momenti difficili, pensavo di smettere. Poi Elmut Marko mi ha dato un'altra chance"

LA TORO ROSSO SCEGLIE ALBON

Alexander Albon è un nuovo pilota della Toro Rosso nel Mondiale di F1 e nel 2019 affiancherà Daniil Kvyat. A pochi giorni dall'annuncio, il giovane driver britannico-thailandese si è raccontato e ha raccontato il momento della "convocazione" in un'intervista sul sito della scuderia. 

Dov'eri quando hai ricevuto la chiamata in cui ti hanno comuniato il passaggio in F1?
Ho ricevuto la chiamata lunedì pomeriggio (26 novembre, ndr). Mi è stato detto che ero stato confermato come pilota della Toro Rosso e che il team era pronto per fare un annuncio. Ero nel centro commerciale a comprare un paio di scarpe da ginnastica, quindi sono tornato subito all'albergo!

Qual è stata la tua reazione? È stato tutto improvviso?
Felicissimo, aspettavo questo momento da quando avevo sei anni. Non posso dire che sia venuto fuori dal nulla, perché ho cercato di risolvere la mia situazione con Nissan per permettermi di unirmi alla Toro Rosso già negli ultimi mesi. Non ci credevo, ma finalmente è successo!

Chi furono le prime persone che hai detto riguardo le notizie?
Mia madre è stata la prima persona che ho chiamato, probabilmente lei era molto più esaltata di me.

Sei conosciuto per le tue favolose manovre di sorpasso, sei sicuro di poter portare il tuo stile di guida in F1?
Sì, lo sono. Il modo in cui le vetture sono progettate in F1 rendono difficile il sorpasso, ma con le regole per il prossimo anno, sono sicuro che ci saranno delle belle battaglie. Un fatto interessante è che ho gareggiato con circa metà dei piloti sulla griglia del kart, quindi in qualche modo penso che sembrerà di combattere come ai vecchi tempi!

Corri sotto la bandiera thailandese, ti rende orgoglioso essere il primo pilota di eusto paese sulla griglia della F1 dall'inizio degli anni '50?
Sono così orgoglioso di rappresentare la Thailandia. È un grande onore per me e la mia famiglia avere questa opportunità. Spero di renderli orgogliosi.

Quanto è stato difficile il periodo dopo essere stato lasciato da Red Bull nel 2012?
Molto duro, è stato un anno difficile per me per numerose ragioni, compresi i miei risultati, mi ha reso molto più difficile lavorare. Ero sull'orlo di smettere di correre. Da allora, sapevo che dovevo impressionare ogni volta che guidavo e fortunatamente Elmut Marko mi ha dato una seconda possibilità.

I più letti