F1, GP Silverstone, Hamilton: "Manca il respiro, fiero di essere davanti al mio pubblico"

Formula 1

Il britannico trionfa al Gran Premio di Silverstone e si aggiudica il nuovo record di sei vittorie sul tracciato inglese: "Avere conquistato questo successo davanti al pubblico di casa è incredibile". Bottas: "Potevo vincere, poi è entrata la safety car e Lewis mi ha fregato"

PAGELLE - CLASSIFICHE - FOTO

LA CRONACA DEL GP DI SILVERSTONE

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio della Gran Bretagna davanti al suo compagno di squadra Valtteri Bottas e ha conquistato il punto aggiuntivo segnando il giro veloce all'ultima tornata. Il pilota della Mercedes ha così superato due leggende della Formula 1 come Jim Clark e Alain Prost firmando il sesto successo sul circuito di Silverstone. "Mi manca il respiro, che giornata! Avere conquistato questa vittoria davanti al pubblico di casa è incredibile. Sono davvero grato a tutta questa gente che viene qui così numerosa, magari un giorno mi abituerò ma non credo, vorrei davvero ringraziarli tutti" ha commentato il britannico a fine gara. Ringraziamenti per il team delle Frecce d'Argento: "Non avrei mai potuto fare questo record di sei vittorie qui a Silverstone senza questa gente e soprattutto senza la mia squadra. Parlo di duemila persone, io sono solo una ruota nell'ingranaggio di questo enorme e splendido team e sono fiero di farne parte".

Bottas: "Sono stato fregato dall'ingresso della safety car"

Il pilota finlandese, arrivato secondo al traguardo, si complimenta con il compagno di squadra: "Congratulazioni a Hamilton, ha fatto una grande gara. Io mi sono fermato prima e stavo controllando il gap sul pit stop. Potevo vincere la gara, poi è entrata la safety car e Lewis mi ha fregato. Non è stata la mia giornata purtroppo. Ma il passo è stato buono e dobbiamo continuare su questa strada".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche