Formula 1, GP Italia a Monza: Ferrari veloce nei rettilinei, Mercedes meglio in curva

Formula 1

Federico Albano

Dopo le qualifiche si va verso una gara equiibrata: le Rosse imprendibili nei rettilinei, le Frecce d'argento recuperano terreno nei tratti guidati. E Vettel, che paga il fatto di non aver potuto usufruire della scia, supera il compagno di squadra in curva. Domenica Gran Premio in diretta esclusiva su Sky Sport F1 (canale 207) e Sky Sport Uno (canale 201)

IL GRAN PREMIO DI MONZA LIVE

Qualifiche tiratissime e rocambolesche quelle di oggi a Monza. La confusione generatasi alla fine del Q3 con tutti i piloti quasi in “surplace” alla ricerca di una scia, ha fatto sì che nessuno potesse fare l’ultimo tentativo. La pole position è andata quindi a Charles Leclerc che era stato il più veloce nel primo tentativo dell’ultima frazione. L’equilibrio però è stato notevole, con i primi 4 (le due Mercedes e le due Ferrari) racchiuse in appena 150 millesimi. Vediamo i riscontri velocistici di ciascuno dei top 4 per capire meglio come si è formata la classifica.

Leclerc e Ferrari in assoluto i più veloci nei rettilinei

È la SF90 numero 16 la più veloce in tutti e 3 i grandi allunghi di Monza. Leclerc, con anche la più alta velocità di giornata, arriva a 354 km/h sul rettilineo principale, inarrivabile per tutti. Hamilton con una scia importante si ferma a 345, mentre Vettel da solo arriva a 344.

Le curve sono di Mercedes

È però notevole il vantaggio di velocità che Mercedes esprime nei tratti misti della pista. Alla prima variante infatti il più rapido di tutti è proprio Lewis Hamilton che passa a 72 km/h, contro i 70 di Vettel e i 69 di Leclerc. Alla Roggia è ancora Hamilton il più veloce con 119 km/h, contro i 113 di Vettel e i 111 di Leclerc. Le due curve di Lesmo vedono l’alternarsi Bottas (più rapido alla prima) e Hamilton (più rapido alla seconda). Alla variante Ascari è poi Bottas velocissimo con 197 km/h, molto più veloce del suo compagno di squadra e del duo Ferrari. Alla parabolica è ancora il finlandese il più rapido con 2 km/h di vantaggio sulla Ferrari numero 5 e 5 km/h sul compagno di squadra.

Vettel senza scia ma grande guida

Se è vero che Vettel si è classificato quarto, è altrettanto vero che è l’unico dei top 4 che non ha potuto avere una scia nel giro più importante. Il deficit di velocità negli allunghi rispetto al compagno di squadra si fa notare (10 km/h nel rettilineo principale). Allo stesso tempo però il tedesco quattro volte campione del mondo esprime una guida con velocità in curva davvero notevoli. È infatti il secondo più veloce, vicinissimo alle Mercedes alle due curve di Lesmo e alla curva Parabolica. L’impressione è che se avesse avuto una scia avrebbe potuto tranquillamente essere in prima fila e sfidare seriamente Charles Leclerc per la pole. Con questa situazione così livellata è verosimile aspettarsi una gara combattutissima domani, impossibile fare pronostici per una gara che sarà da coltello tra i denti ad ogni giro con ogni probabilità.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche