F1, Verstappen al GP Baku: "Ali flessibili, Red Bull legale. Vogliono rallentarci"

Formula 1

Tiene banco nel giovedì di Baku il tema delle ali flessibili posteriori che ha fatto esplodere il duello Red Bull-Mercedes anche fuori dalla pista. Il leader del Mondiale: "Comprensibile l'attenzione nei confronti della nostra macchina, stiamo svolgendo un ottimo lavoro. E capisco le lamentele, ma tutto è stato fatto nell'ambito delle regole. Stanno cercando di rallentarci". Il GP dell'Azerbaijan è in diretta su Sky Sport F1 (canale 207)

GUIDA TV  - IL CIRCUITO - IL METEO

"Ci sarà da lavorare sugli assetti, non è una pista semplice perché oltre al rettilineo ci sono alcune frenate difficili". Max Verstappen arriva da leader del Mondiale a Baku, ma anche come rappresentante di una delle due fazioni, la Red Bull, che con Mercedes sta duellando in pista ma anche fuori per la questione delle ali flessibili posteriori" 

Sull'approccio in gara dopo la vittoria a Montecarlo

"Per quanto mi riguarda avrò lo stesso approccio di Montecarlo e spero nello stesso risultato. Non avrò un approccio diverso perché sono in testa al campionato. Mi piace stare davanti, ma è da sempre così".

Sulla Mercedes che ora insegue

"Non so come si sentano in Mercedes ora che inseguono - ha spiegato l'olandese - di sicuro torneranno a essere competitivi. Sulle piste tradizionali sono ancora davanti a noi. Noi dobbiamo essere focalizzati sulla nostra macchina, continuare a migliorare e facendo attenzione ai dettagli. Essere in testa alla classifica è frutto di un lavoro di squadra, è dobbiamo fare così anche in questa gara".

"Rispetto tra me e Hamilton"

"Siamo entrambi concentrati sulla pista. Ci sono momenti di emozione più o meno intensa prima e dopo le gare, a volte dipende da quei momenti e da quando ti fanno le domande: le risposte possono essere una conseguenza anche da quelle situazioni. Quello che conta è che tra noi c’è rispetto”.

"Ali flessibili? Tutto leagale, vogliono rallentarci"

Sul delicato tema delle ali flessibili, Verstappen ha detto a Sky UK: “È comprensibile tanta attenzione nei confronti della nostra macchina, perché stiamo svolgendo un ottimo lavoro. E posso capire pure le lamentele, ma per ora tutto è stato fatto nell'ambito delle regole. Stanno cercando di rallentarci”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche