F1, Leclerc dopo il GP Austria: "Perez è stato troppo aggressivo"

FERRARI

Charles Leclerc dopo l'ottavo posto in Austria, condizionato dalla lotta senza esclusioni di colpi con Perez, poi penalizzato: "E' stato troppo aggressivo, mi piace lottare al limite ma così è troppo. Ai tifosi dico che stiamo lavorando per tornare a battagliare per la vittoria il prima possibile"

GLI HIGHLIGHTS DEL GP D'AUSTRIA

Charles Leclerc è stato protagonista di un'altra gara ricca di corpo a corpo e di grandi battaglia in pista. Il monegasco ha lottato a lungo con Checo Perez: il messicano della Red Bull ha subito due penalità da 5'' per aver ostacolato il ferrarista, in un duello che non è finito alla bandiera a scacchi. Leclerc ha poi chiuso in ottava posizione il GP d'Austria

"Mi piace lottare al limite, ma così è troppo"

il compagno

Sainz: "Nulla da invidiare alla McLaren"

"Penso che Perez sia stato troppo aggressivo, infatti è stato penalizzato – ha detto Leclerc a Sky Sport – mi piace lottare al limite, ma così è troppo, penso si sia sentito via radio con l’adrenalina del momento, forse ho esagerato, ma di sicuro lui ha esagerato in pista e la gara si è messa in salita per me, perché avendo la strategia identica alla vetture attorno a me ero obbligato a sorpassare in pista". 

"Niente panico, vogliamo tornare al più presto alla vittoria"

"Cosa dire ai tifosi? Mi spiace, ma è la stessa risposta da un anno e mezzo. Stiamo lavorando per ridurre il distacco. Non guardiamo al terzo posto tra i costruttori quest’anno. Vogliamo battagliare per la vittoria al più presto possibile. Spingiamo al 200%. Speravo anche io di fare meglio dell’ottavo posto. Dobbiamo lavorare bene senza farci prendere dal panico, perché sarebbe controproducente”.