Caricamento in corso...
30 luglio 2017

Ferrari regina a Budapest: un trionfo che vale doppio

print-icon

In Ungheria la Rossa con una prova di squadra praticamente perfetta batte le due Mercedes, permettendo a Vettel di allungare nella classifica piloti con 14 punti su Hamilton

CLICCA QUI PER RIVIVERE LA GARA - TEMPI - CLASSIFICHE

Un vittoria per due. Per Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Perché nel mondo dell'utopia si sarebbero meritati entrambi di salire sul gradino più alto del podio. A vincere però è stato lui: Seb. Dopo quasi tutta la gara passata a guidare con un volante storto, senza poter rischiare sui cordoli e gestendo la testa della corsa in maniera quasi eroica.

Ma se Sebastian Vettel è arrivato al traguardo da leader senza accusare nessun attacco da parte di Lewis Hamilton deve ringraziare solo Kimi Raikkonen, che in Ungheria è stato uno scudiero perfetto. Dalla partenza alla bandiera a scacchi. Nonostante fosse evidente quanto Vettel stesse faticando e lui invece avesse un passo decisamente superiore per sorpassarlo, è rimasto a difendere la posizione del tedesco e di sé stesso anche contro un Lewis Hamilton che negli ultimi giri ci ha provato, fino a quando la Mercedes glielo ha permesso.

A Budapest a vincere è stata anche la Ferrari, squadra, contro i tedeschi. La Ferrari ha sacrificato Raikkonen per non rischiare la doppietta. La Mercedes ha provato a fare gioco di squadra chiedendo a Bottas di lasciar passare Hamilton. L'inglese però gli ha dovuto ridare la posizione perdendo tre lunghezze in campionato e andando a -14 da Vettel. Punti pesanti se, come pare una volta di più, sarà una lotta punto su punto, fino alla fine.

Mondiale F1 2017, tutti i video

I PIU' VISTI DI OGGI