MotoGP: KTM-Honda, nemici per la pelle

MOTOGP

A margine della conferenza stampa della presentazione del team, l'amministratore delegato della KTM Stefan Pierer ha parlato del rapporto non certo idilliaco con la Honda

"La Honda é il nostro nemico più odiato, per questo ci piace batterli!". Stefan Pierer nel giorno di festa della sua azienda non nasconde il proprio disappunto per la condotta della casa giapponese. Il riferimento è alla Dakar, quando i piloti della Honda sono stati penalizzati per aver fatto un rifornimento illegale durante lo svolgimento di una tappa. Ma in realtà l'astio nasce dalla rivalità con un team che secondo Pierer "cerca continuamente di barare, anche se non ne avrebbe bisogno".

Anche nel Motomondiale c'è stato uno scontro violento tra le due case, quando nel 2015 la KTM ha accusato la Honda di far girare i motori in Moto3 a un regime più alto del consentito. Ironia della sorte, in questa stagione la casa austriaca debutterà nella Moto2 dovendo usare i motori Honda, che è l'unico fornitore della categoria: "Per noi non è un problema", ha dichiarato Pierer, "queste sono le regole e poi da quel che ho capito nel 2019 passeremo ai motori Triumph". Nel frattempo però la lite continua, perché a questi livelli la competizione va ben oltre la pista.

I più letti