Lorenzo: "La Yamaha preferiva Rossi, ecco perché"

MotoGp
A pochi giorni dal via alla nuova stagione di MotoGP, Jorge Lorenzo è tornato a parlare del suo rapporto con Valentino Rossi (foto Lapresse)
lorenzo_ducati_lapresse

A pochi giorni dall'inizio della nuova stagione, 9 anni dopo con un'altra scuderia, il pilota della Ducati è tornato a parlare, ai microfoni di Marca, del suo rapporto con l'ex compagno di squadra. E dei suoi progetti per il futuro

"La Yamaha ha avuto un pilota che è un'icona del motociclismo, molto mediatico, che gli ha fatto vendere tante moto. Una situazione non facile da gestire nel momento in cui eravamo entrambi in lotta per il titolo". A pochi giorni dall’inizio della nuova stagione, che lo vedrà in sella alla Ducati, Jorge Lorenzo è tornato a parlare al quotidiano madrileno "Marca" del suo rapporto con Valentino Rossi.

"Difficile avere lo stesso trattamento di Vale" - "Ho capito che dovevano prendersi cura del loro diamante, nel senso delle vendite - ha aggiunto Lorenzo -, piaccia o no, nonostante i risultati e che siano trascorsi più o meno anni senza che abbia vinto il titolo, lui è ancora molto forte mediaticamente e continuerà a fare molto per le vendite del marchio. Per cui è difficile che due piloti abbiano lo stesso trattamento, in termini di situazioni estreme, di confronto e sensazioni negative nella lotta al titolo e in questo senso, ho sempre detto di averlo capito".

La risposta a Meregalli - Il team manager della Yamaha, Massimo Meregalli ha parlato di un'atmosfera più rilassata in Yamaha, dopo l'addio di Lorenzo: "Credo non sia stata una dichiarazione molto felice. Per un motivo o per un altro, lui era molto dalla parte di Rossi, quindi nel momento che sono andato via dalla Yamaha, si è lasciato andare a quella dichiarazione". Domenica 26, in Qatar, prende il via la stagione 2017. L'obiettivo immediato è "vincere più gare dello scorso anno e su alcuni circuiti possiamo fare molto bene - spiega Lorenzo -, ma per realizzare una moto completa su ogni tracciato ed aspirare, forse, a competere per il Mondiale, dobbiamo completare molte corse. O che gli avversari facciano molti errori. Al momento abbiamo ancora tanto da lavorare".

Perché ha scelto la Ducati - "La motivazione. Il fatto che ci siano stati pochi piloti a vincere con due moto differenti, e l’unico a vincere con la Ducati è stato Stoner. E poi sentirmi vivo, provare un altro tipo di moto, trovare persone, un ambiente e colori diversi". Vincere con la Ducati, poi: "Sarebbe fantastico. Molto difficile, ma io adoro le cose difficili".
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche