MotoGP, ci siamo: tutti i numeri del Qatar

MOTOGP

Guido Sassi

GUIDA AL MONDIALE. Vinales l'osservato speciale: 22 anni e già 103 gare nel Motomondiale; Rossi a caccia del decimo trionfo iridato. Lorenzo, dopo 156 gp con Yamaha, è pronto a inseguire un nuovo sogno in Ducati. Dovizioso e Iannone...

Siete pronti al primo Gran Premio della stagione? Domenica si corre in Qatar, a Losail (già sede dei test pre-campionato), e questi sono tutti i numeri da ricordare per una gara che inaugura una stagione pazzesca.

Maverick Vinales è l'osservato speciale di questo inizio campionato: 22 anni appena compiuti ma già 103 gare nel Motomondiale con 17 vittorie e un titolo iridato, si è presentato in Yamaha primeggiando in 7 delle 11 sessioni di test invernali.

Top Gun sembra maturo per puntare al bersaglio grosso: d'altronde Valentino Rossi il primo Mondiale in classe regina lo vinse proprio a 22 anni, Marquez a 21. Il campione del mondo in carica per la prima volta in MotoGP trova un contendente al titolo più giovane di lui. Una situazione nuova per lo spagnolo che, nonostante 3 titoli vinti in MotoGp con 29 successi su 72 partenze, ha appena 24 anni.

Rossi insegue la decima e prosegue nel suo miracolo di longevità; nel 2017 potrà tagliare il traguardo dei 350 gran premi in carriera, a Silverstone raggiungere le 300 gare in MotoGP. Ma tutta l'Italia dei motori è attesa alla prova del nove: Andrea Dovizioso, già 72 partenze in Ducati, diventerà quest'anno il pilota con più gp disputati in rosso. Andrea Iannone dal canto suo può rinverdire la sbiadita tradizione degli italiani vincenti in Suzuki: ben 3 tra fine anni’70 e inizio ’80, con Lucchinelli e Uncini addirittura iridati.

Il Mondiale, un sogno che Jorge Lorenzo, dopo 156 gran premi con Yamaha, è pronto a inseguire in Ducati. Nella storia della classe regina sono stati solo 5 i campioni con due marche diverse, Rossi e Stoner gli unici nell'era MotoGP. Il 2017 sarà l'anno della verità per tutti i top rider.

I più letti