Vinales under pressure? “Un po’, ma sono motivato”

MotoGp
Maverick Vinales (da twitter @movistar_motogp)

Lo spagnolo della Yamaha lancia la sfida: “Continuare con i buoni risultati perché la gara a Losail è solo la prima di 18”. Ma dopo la vittoria del Qatar le aspettative sono ancora maggiori. Guido Meda ci spiega se la pressione può condizionarlo

Pole e vittoria. Di meglio Maverick Vinales non poteva sperare nel debutto in MotoGP con la Yamaha. Col successo nel fango di Losail ha eguagliato Agostini (1° nel GP di Francia 1974 in 350) e Rossi (1° nel GP del Sudafrica 2004 in MotoGP), vincenti alla prima in sella alla Yamaha.

Da nuovo compagno di Vale a nuovo favorito per il Mondiale

E’ successo tutto in poche settimane e ora nel paddock la domanda è questa: sentirà la pressione? “Un po’ la sento – ha ammesso lo spagnolo - perché il livello che ho tenuto fino ad ora è molto alto ma sono anche più forti le motivazioni a far bene. Dobbiamo essere pazienti, lavorare passo dopo passo, gara dopo gara. La sfida, difficile, sarà mantenere alto il livello perché la gara a Losail è stata solo la prima delle diciotto che ci aspettano”.

Il segreto del successo

“Nel casco, durante le gare, parlo spesso con me stesso – ammette -. Mi aiuta a restare concentrato. Mi sento sereno, voglio solo continuare su questo livello senza alcuna pressione e con i giusti stimoli”. In Argentina lo scorso anno sfiorò il successo con la Suzuki per poi cadere dopo 17 giri. Oggi a Termas di Rio Hondo ci arriva come l’uomo da battere: “E’ la mia prima volta qua con Yamaha, penso che potremo essere competitivi. Spero soprattutto in un weekend sereno senza problemi meteo”.

Queste le sue parole, ora giudicate voi: uno così può soffrire la pressione?

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche