Moto3, gli italiani cercano conferma a Jerez

MotoGp

Francesco Berlucchi

Romano Fenati, (Austin 2017) - Foto: Romano Fenati Official Twitter
Romano_Fenati

Dopo le prime due gare stagionali deludenti, i talenti italiani hanno trovato il riscatto ad Austin, piazzando quattro piloti nelle prime cinque posizioni. Ma a Jerez de la Frontera serve una conferma, su un tracciato che piace molto ad alcuni dei nostri. Vediamo a chi

Se il riscatto dei piloti italiani della Moto3 ha avuto luogo in Texas, nel sud degli Stati Uniti, per la conferma ufficiale bisogna aspettare che i nostri pilotini arrivino a Jerez de la Frontera, in quel lembo di terra tra Gibilterra e il Guadalquivir, più vicino a Tangeri che a Madrid.

Il circuito spagnolo è il luogo giusto per confermare che l’Italia delle due ruote spinte dal motore monocilindrico è ripartita davvero. E per lasciarsi alle spalle i primi due Gran Premi della stagione, più aridi di risultati del deserto texano. Lo si è visto proprio ad Austin, dove Romano Fenati è tornato alla vittoria ed i nostri piloti hanno occupato quattro delle prime cinque posizioni.
Per Romano si è trattato del suo ottavo successo in Moto3, quello che lo porta ad eguagliare i campioni del mondo Maverick Vinales e Danny Kent (che intanto ha deciso di lasciare Kiefer Racing e il team Moto2), oltre ad Alex Rins e Luis Salom.

Per gli altri italiani, Fabio Di Giannantonio, Enea Bastianini e Nicolò Bulega su tutti, gli ottimi risultati del GP degli Stati Uniti sono la luce in fondo ad un tunnel che è partito da Losail passando per Termas de Rio Hondo ed è finito proprio negli States. Dove anche gli altri piloti di casa nostra, Andrea Migno, Niccolò Antonelli, Marco Bezzecchi e Tony Arbolino, hanno finalmente dimostrato di essere in crescita.

Una crescita di condizione che cerca la sua conferma a Jerez de la Frontera, prossima tappa del Motomondiale, su una pista favorevole ai pilotini tricolore. Di sicuro, il circuito di Jerez piace a Fenati, due volte primo su questa pista. E a Bulega, che un anno fa ha ottenuto la sua prima pole position, il suo miglior risultato nel Motomondiale ed il suo primo podio con lo Sky Racing Team VR46 (secondo, dietro a Brad Binder).

Non una sorpresa, per chi lo aveva visto correre a Jerez anche nel Campionato spagnolo di Velocità (CEV). Proprio come Tony Arbolino, primo in gara 2 nella scorsa stagione, Lorenzo Dalla Porta, secondo in gara 1, e Marco Bezzecchi, sesto in gara 2, nello Junior World Championship (l’ex CEV). Perché Joan Mir resta il favorito per il titolo mondiale, ma i talenti italiani devono dimostrare che per il maiorchino vincere non sarà così semplice. A partire da Jerez.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche