GP Catalunya, Rossi: "A Barcellona per il podio, non ancora al top"

MOTOGP

Valentino Rossi non ha ancora smaltito i postumi della caduta mentre faceva motocross: "Mi sarebbe piaciuto avere una settimana in più di tempo". Vinales: "Qui è come casa mia"

IL MEGLIO DELLA CONFERENZA

LE CLASSIFICHE

IL CALENDARIO

Dopo il quarto posto del Mugello, sarà un Valentino Rossi non ancora al top quello che vedremo a Barcellona nel weekend. E’ lui stesso a confermarlo: “Mi sarebbe piaciuto avere una sosta di una settimana per recuperare nel migliore dei modi (dai postumi della caduta mentre faceva motocross, ndr). Comunque, sono contento della gara che ho fatto al Mugello, la moto è andata bene e a Barcellona posso andare ancora meglio. Vorrei salire sul podio".

Rossi al momento è terzo nella classifica piloti, scavalcato da Dovizioso vincitore al Mugello. Sono 30 i punti che lo separano dal leader Maverick Vinales. Ma Montmelò è una pista dove ha sempre raccolto soddisfazioni e i suoi record sono lì a dimostrarlo: le vittorie del 2001, 2002, 2004, 2005, 2006, 2009 e 2016; i 13 podi consecutivi fra il 1997 e il 2009. "Barcellona è un circuito che mi piace veramente – ha detto il Dottore -, anche se è una pista con meno grip e dobbiamo cercare di trovare un buon set-up per far rendere al meglio gli pneumatici. Lunedì avremo anche una giornata di test e la useremo per provare altre soluzioni. Questo è un altro Gran Premio dove c'è una bella atmosfera, con tanti tifosi entusiasti. Siamo pronti a fare del nostro meglio".

Carico a mille è Maverick Vinales, reduce dal secondo posto del Mugello. Domenica scorsa ha ammesso di non aver voluto prendere rischi, provando a insidiare Dovizioso per la vittoria. Ma in Catalogna dsarà diverso: “E' una pista molto speciale per me, è come fosse casa mia. Il circuito mi piace, è adatto al mio stile di guida e spero lo sia anche per la moto. Siamo in un buon momento, forti e sicuri. Abbiamo molti set-up a disposizione, per questo vado a Barcellona veramente motivato. Cercheremo di ottenere quanti più punti possibili. Ovviamente punto ad essere lì sul podio ma per farlo dobbiamo essere intelligenti, anche con la scelta delle gomme”

I più letti